lunedì 14 settembre 2009

la voce del silenzio

Quali sensazioni vi dà questa bellissima canzone? A me conferma una cosa che già sapevo: il silenzio è una cosa bellissima, così come la solitudine. perchè solo nel silenzio puoi sentire la tua voce, e cercare, prima di ogni cosa, la verità. Essere sinceri con se stessi, a volte, è maledettamente difficile.

3 commenti:

  1. ........... e non sempre si riesce

    RispondiElimina
  2. Ineffabile Fuma (scusi la confidenza ma la profondità del suo commento la impone)

    L’essenza delle cose, l’abbraccio del silenzio che con suoni, luci, colori ci ricorda quel vento che porta con se gli attimi vissuti o da vivere, le speranze,le promesse,gli errori,le persone,le delusioni , ma sicuramente le gioie, i momenti felici,la luce, la notte, il tramonto,l’alba, la vita, ci portano a rivivere ricordi che forse hanno creato dentro noi tempeste o emozioni interiori mai sopite .
    Essere sinceri con se stessi a volte è difficile, avere però, il coraggio di tornare a vedere la luna e le stelle brillare nel cielo senza inutili e forse masochistiche riflessioni, può rinforzare la nostra gioia di vivere.
    Rivalutiamo il passato col presente, riportiamo dentro noi i momenti più profondi, più belli,più importanti, più felici e più sinceri del nostro vivere.
    L’incantesimo della vita (il silenzio,la solitudine,la musica e la serenità) sicuramente saprà accompagnarci in ogni momento,ci farà sognare, Amare,donare e comprendere l'infinito.
    GFFG

    RispondiElimina
  3. Ineffabile? non sapevo nemmeno cosa volesse dire, che bello andare a cercarlo. nessuno mi aveva mai dedicato un appellativo così originale, caro gieffe, complimenti.
    E a proposito di parole: quando scrivo a volte mi prende l'ossessione di cercare la parola giusta, che è una sola, quella, non altre ... faticoso, forse, ma che soddisfazione, poi, quando certe frasi diventano fluide come musica. E ti rendi conto che se non avessi messo quella parola lì, in quel punto lì, con quella virgola lì,la frase e poi il testo avrebbero perso qualcosa. E' una lezione che ho imparato dal grande Mario Rigoni Stern, intervistato da Fazio in che tempo che fa. che bel viso antico, hanno, certi vecchi...il suo viso, il suo modo di fare rude ma tenero,la profonda intimità che si intuiva nel rapporto con la moglie, mi avevano fatto una tenerezza...prima o poi vi parlerò di mio padre. mamma mia, che casino ho fatto stasera.

    RispondiElimina

Parla! Adesso o mai più!