sabato 20 febbraio 2010

meraviglioso


E dire che sotto questo you tube ci sono i commenti di persone che si insultano dandosi del coglione e compagnia bella, a causa di divergenze musicali ... allora non hanno capito niente, che l'hanno ascoltata a fare la canzone?
Le foto di questo you tube non mi piacciono, ma nella versione con Domenico Modugno dal vivo c'erano gli applausi, che mi infastidivano.
Mi piacerebbe fare un you tube con le foto di G. Non sarebbe meraviglioso?

10 commenti:

  1. Qualsiasi cosa tu faccia con le foto di Graziano sarà sicuramente meraviglioso, ma riguardo alla canzone mi dispiace dirti che mi urta da morire! Se penso a chi ha perso il lavoro e casomai ha dei figli da sfamare, o anche a chi semplicemente non riesce a trovare un lavoro ed è giustamente depresso, e si sente dire "Tu dici non ho niente...,ti sembra forse niente il mare, il sole, la luna...." Ma per favore....!!! E la smetto qui perchè mi sta scappando una volgarità, di quelle grosse!

    RispondiElimina
  2. Sarebbe un bellissimo regalo per il suo compleanno. Io ci andrei in brodo di giuggiole: mezzi ultramoderni=regali ultramoderni.
    E poi non costa niente, vuoi mettere?
    Pensaci, pensaci, olia le rotelline dentro la cabeza e fatti aiutare da chi sa come si fa, Fabio, per esempio; o forse ancora meglio Anita se....se ci parli di nuovo.

    RispondiElimina
  3. @ornella, perchè intendi le parole "non ho niente" come riferite ai beni materiali? ci sono persone che materialmente hanno tutto e sono infelici, persone che hanno poco e sono felici; la depressione non è prerogativa dei poveri!e questa canzone è un inno alle cose belle della vita, che per fortuna convivono con il dolore dei drammi esistenziali di ognuno di noi.
    Fai bene a ricordare e ricordarci il grido di disperazione delle persone che si trovano sull'orlo del baratro a causa della crisi economica: credi che io non ci pensi? anche qui nel ricco nord è in corso una strage di ditte che chiudono, alla faccia del governo che dice che il peggio è passato.
    ma la canzone non c'entra con questo, poveretta.

    RispondiElimina
  4. @iaco: terrò presente l'idea.
    parlare coi miei figli, nei week end, è sinonimo di litigare: c'è di mezzo il vederli alzarsi alle 11 giusto per cazzeggiare fino alla fatidica domanda: cosa c'è da mangiare?
    .. e alla prima cosa che gli si chiede di fare sentirsi rispondere che devo dirglielo con gentilezza, di spostare (quella cazzo) di borsa degli allenamenti dalla porta d'ingresso. magari devo anche aggiungere per favore, grazie, prego scusi tornerò, oppure fare richiesta in carta bollata.
    Bufera anche oggi, as usually. Ma è la mamma, che è sclerata.

    RispondiElimina
  5. Le cose belle della vita, quali il sole, il mare l'amore di una donna si possono apprezzare se dentro di te non hai la disperazione di come arrivare al giorno dopo, di cosa mettere nel piatto dei tuoi figli! Altrimenti il sole e il mare te li fai fritti!!!

    RispondiElimina
  6. Credo che la canzone sia veramente bella, così come il mesaggio che porta con sè. Trovo che sia rivolta anche a chi si trova nella situazione che prospetta Ornella perchè è un'invito a riflettere sulle proprie risorse. E' un bilancio, positivo, su ciò che posseggo. Credo che anche per chi cerca lavoro sia più produttivo concentrarsi su ciò che ha, su ciò che sa fare o potrebbe fare, piuttosto che lasciarsi andare al pessimismo più nero, così in agguato in quelle situazioni...
    Condivido comunque Ornella nel suo sdegno verso chi è così ottimista, e ride, e fa battute...STR.!!!

    RispondiElimina
  7. Una voce straordinaria... un interprete straordinario...
    Per il resto come canta Bennato, sono solo canzonette!

    mirco

    RispondiElimina
  8. Non ti crogiolare all'idea che sia tu la prediletta, l'unta del Signore, la sola che si senta mandata afc prima di mezzogiorno ad ogni fine settimana. Aspetta che i tuoi bravi ragazzi trovino qualcuno/a che se li accatta; tirerai un gran sospiro di sollievo, tu e G. vi guarderete nelle palle degli occhi, pensando ognuno "Che bello! finalmente soli come alle origini".
    Poi però, cominceranno le ansie: sarà gentile lui con Anita, come sono stato io? Graz-pensiero.
    Lo farà mangiare abbastanza e bene come mamma sua
    quella...là? Fumapensiero. E giù le prime telefonate e poi, purtroppo, le prime visitine, le prime invasioni di campo.
    Ma le vostre invasioni di campo finiranno dopo un po'. I guai cominciano quando saranno loro a farle le invasioni di campo, perché quando un figlio, o una figlia, ti arriva a casa con l'aria indifferente, dicendo "Passavo da queste parti e mi sono detto andiamo a vedere cosa fanno mamma e papà", allora vai subito in gabinetto, fai pipì e allegerisciti, perché sta arrivando qualche carico da undici. O servono urgentemente soldi, oppure il matrimonio/l'unione vacilla e urge sorreggere l'impalcatura. Fallo bene, perché non c'è niente di peggio di un/a figlio/a deluso/a dalla vita e dall'amore che ti ripiomba a casa, riprendendosi in un baleno tutti i vizi e vizietti che aveva prima della partenza, elevati però alla massima potenza.

    RispondiElimina
  9. Grazie dei commenti, Wilma e Mirco.
    Iaco, ho letto in diretta il tuo commento a G, giusto per prepararlo a ciò che ci riserva il futuro, si è fatto una risata e ha detto: mi sa che cià ragione ...

    RispondiElimina
  10. Ahimé, purtroppo sì.
    Meditate, gente, meditate, ma a questo destino non si sfugge.

    RispondiElimina

Parla! Adesso o mai più!