venerdì 25 ottobre 2019

ai tempi dell'esame di automatica

Ai tempi in cui mio figlio era in casa e studiava ingegneria al politecnico di Milano, e sembrava non dovesse finire mai, -e invece finì, e Dio fu lodato- capitava che si collegasse via skype con compagni di università. 
In occasione della preparazione all'esame di automatica trascrissi questa conversazione a tre:

incognito 1 a mio figlio: " ma sei scemo? sei deficiente?" 

figlio : " ma bisogna capire se la U e gli altri parametri di merda sono diagrammi  alla cazzo" 

incognito 2 "presumo siano alla cazzo" 

figlio " A me non ce l'ho" 

incognito 1 "A me non ce l'ho che cazzo vuol dire?" 

incognito 2 "fammi vedere l'esercizio"

figlio "perchè non vedo una sega?"

incognito 1 "oh, cristo.."

figlio "va beh, facciamo un'oretta di pausa, aspettiamo che si colleghi Cervello"

incognito 2:"ma sei capace di schiacciare il tasto stacca? ma sei gay?"

incognito 1 "ciao, gay"

ai tempi mi chiesi se stessero  preparando l'esame di automatica o di turpiloquio.

30 commenti:

  1. Cazzo che fighissima trascrizione mi sono divertita un casino! :D :D
    Scherzi a parte , che posto è quello nella foto dell'intestazione del tuo blog? Molto bello.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Santuario francescano La Verna, dove San Francesco ricevette le stimmate.
      Nonostante L'afflusso continuo di turisti, il luogo riesce a conservare una sua spiritualità.
      VI abbiamo alloggiato 3 giorni ad aprile, siamo stati molto bene, mi piacerebbe tornarci.
      Mi piacerebbe alloggiare anche in altri monasteri.

      Elimina
  2. ah ah ah sorrido, io avevo una sorella che parlava al telefono antico egiziano, greco e latino coi suoi compagni di corso... e solo dopo tantissimi anni ho scoperto che non stavano propriamente parlando di argomenti universitari

    RispondiElimina
  3. A torpiloquio avranno preso pure la lode!

    RispondiElimina
  4. Turpiloquio o no, e i tempi lunghi di laurea ... non inficiano l' esser diventato Ingegnere da parte di tuo figlio, e poi essersi laureato al Politecnico di Milano, che insieme a quello di Torino ( e poi, nell' ordine, a quello di Roma all' Università della Sapienza ) è fra i più difficili d' Europa, costituisce un merito in più !
    Da Ingegnere romano, quindi, dico BRAVO a lui e BRAVI a voi due genitori che l' avete aiutato a concludere il suo difficilissimo percorso universitario ! 💕

    RispondiElimina
    Risposte
    1. È stata dura ma ce l'abbiamo fatta, diciamo che i sacrifici sono stati ampiamente ripagati.

      Elimina
  5. Ciao,non è necessario ma da spessore al pensiero esposto.
    Ciao.fulvio

    RispondiElimina
  6. Ma si cara Silvia, era il loro modo di dar sfogo alla frustrazione dovuta al non comprendere immediatamente le meravigliose sfumature della materia, probabilmente a loro in quel momento piuttosto ostiche.
    Ma che bello quando sento mio marito e mio figlio parlare di quesiti relativi alla Meccanica (entrambi Ingegneri Meccanici ma il figliolo ha appena iniziato la Magistrale) e mi sento una povera psicologa così...avulsa da tutto ciò che è matematica, fisica ed equazioni ;)

    Dubbio: Ma forse...stavano in realtà preparando l'esame di Turpiloquio Automatico?!?!
    Un abbraccio Susanna

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ah ah.
      Se avessi due ingegneri in casa mi sentirei una capra, io sono totalmente sprovvista di intelligenza matematica.

      Elimina
  7. Tranquilli dialoghi tra ragazzi, tutto nella norma :)

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se lo dici tu, che ne sei coetaneo, sarà vero!

      Elimina
  8. Sdrammatizzavano l'impegno dell'esame.

    RispondiElimina
  9. No no, quelle parole hanno perso il loro significato letterale.

    RispondiElimina
  10. Vorresti forse che alla loro età e di questi tempi si esprimessero con frasi tipo: perdindirindina e mannaggia li pescetti?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. beh ... certamente sarebbe un modo di esprimersi più creativo!

      Elimina
  11. Meno male che c'è qualcuno che non è soccombuto al regime dispotico del politicamente corretto.
    Il turpiloquio è SEMPRE stato parte del lessico giovinastrile :) e... meno male che qualche giovinastro c'è ancora! :)

    RispondiElimina
  12. Vaccapera che bello il luogo della foto!

    RispondiElimina
  13. Bello e spirituale.
    Non molto lontano dal tuo Appennino!

    RispondiElimina

Parla! Adesso o mai più!