mercoledì 27 marzo 2013

Amicizia è


Mi sento tanto Bersani, di questi giorni.

Un Bersani-Bersaglio allo sbaraglio, sotto tiro d'ogni sorta di tiratore, scelto o franco, che non so nemmeno cosa voglia dire questo franco: che uno che ti spara addosso è indubbiamente sincero?
Mio padre mi urla addosso; non posso mandarlo affanculo perchè sta male e perchè è mio padre.
Il mio capo mi urla addosso; non posso mandarlo affanculo perchè è il mio capo.
Mi sono sfogata con la mia collega-amica Elle, durante la pausa.
Le ho chiesto: posso mandare affanculo te?
Mi ha risposto: sono qui apposta.

30 commenti:

  1. Amicizia è:
    svegliarsi al mattino e pensare se lei avrà una buona giornata, oppure il mal di testa; se avrà difficoltà col traffico, una cosa così.
    Amicizia è:
    non ricevere notizie e pensare non che si stia grattando la pancia chiacchierando magari con le amiche, ma magari che stia poco bene. Poco bene o molto male?
    Amicizia è:
    fare una buona cosa, che so io dipingere un buon quadro, scrivere un racconto, una poesia, avere una buona idea per un romanzo e dirsi di volerne parlare con lei per avere un suo parere.
    Amicizia è:
    lasciarsi magari dare del rimbambito, dell'irrecuperabile ma non disturbarla più di tanto su certe idee che non condividi affatto, non per vigliaccheria o quieto vivere, ma per non farla arrabbiare troppo.
    Amicizia è:
    andare a letto dopo una giornata da cani e appena spenta la luce pensare che forse, almeno lei, avrà avuto una giornata migliore e augurarle una buona notte.
    Amicizia è:
    tante piccole cose come queste, soprattutto stare vicina alla persona amica quando questa soffre.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bella.
      Bella l'amicizia dei pensieri e delle piccole attenzioni.
      L'amica citata nel post, ad esempio, spesso mi porta un sacchetto di insalata di campo, già pulita.
      A volte ci aggiunge un paio di uova delle galline ruspanti di suo padre, lavate e avvolte in foglio di scottex.
      Mi dice: così pensi a me quando ti mangi insalata e uova :)

      Elimina
  2. mi hai letto nel pensiero? leggi cosa ho scritto su Bersani nel mio ultimissimo post!!!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Credo che in questi giorni kafkiani Bersani e la sua mission impossible sia stata nella testa di tanti italiani ...

      Elimina
  3. Siamo un Paese di naviganti, ma per una volta i più sono in sosta sulle sponde.
    A cominciare dal puttino Renzi, passando per Grillo, e sino al caimano... Sperèm che perunqualchemiracolo, il buon Luigi ce la possa fare.
    p.s. e speriamo che vada meglio anche a te...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Siamo nei giorni del triduo pasquale: prima di arrivare al miracolo bisogna passare dal golgota.

      Elimina
  4. Se vuoi puoi anche mandare affanculo pure me.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hai colto in pieno lo spirito del post.
      Non voglio, anche perchè il grosso della rabbia si è nel frattempo stemperata nei nuovi grattacapi odierni, ma grazie per l'offerta,
      posso tenerla di riserva?

      Elimina
  5. La persona Bersani mi è decisamente smpatica. Purtroppo la simpatia passa all'aperta ostilità appena volgo lo sguardo a programm, filosofia e prassi de suo l partito.

    Uova fresche e insalata di campo... machebontà! Così ella ti dice "ti voglio bene e ti do cibo buono per la tua vita" :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi piace un filmato del buon vecchio Bersani, trasmesso più volte, un'inquadratura in cui, sigaro alla bocca, guarda dritto nella telecamera, con un'espressione seria, onesta, assolutamente diversa dalle solite facce da circostanza dei politici.
      Che vuoi, il buon vecchio Bersani mi ricorda mio padre.
      Però ormai è bollito, povero vecchio buon Bersani.

      Uova e insalata: Cibo da Re.

      Elimina
  6. Puoi mandare a quel paese (non scrivo mai parolacce, anche se ne dico...) anche me.
    Siamo un po' amiche no?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Certo che si
      E tre.
      Bene, mi sento meglio.
      A scuola ho usato questo test come prova d'amicizia.
      Lì non mi è andata così bene come qui: alcune amiche mi hanno risposto che loro non c'entravano niente.
      Si vede che farsi mandare afc via web è meno impegnativo che farsi mandare afc di persona.
      Così come l'amicizia via web, meno impegnativa ma forse proprio per questo assai più difficile.



      Elimina
  7. Io per lavoro mi prendo i vaffanculo. Se ti fa stare meglio, uno più uno meno, a me non cambia

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vuoi dire che la tua ditta assume delle persone con la qualifica di affanculisti? le addestra a quello scopo o le assume con esperienza comprovata e qualificata?
      Vorrà dire che quando manderò afc il mio capo e verrò di conseguenza licenziata con rito abbreviato, spedirò il c.v. alla tua ditta.

      grazie anche a te.

      Elimina
    2. Uhm! Siamo una cooperativa sociale, lavoriamo con le persone con disabilità. Lavoro già di per sè a rischio di grosse pippe mentali. Essere, inoltre, tutti soci, fa si che ci sia tutta la parte gestionale su cui farsi ulteriori pippe. A capo si mette uno che non si fa le pippe (o meno degli altri), e sono io. Il capo si pippa le pippe di tutti e ogni tanto chiede di smettere si spipettare. È lì che scatta il vaffanculo. Ergo: il capo deve mettere in conto i vaffanculo. Ma nessuno se ne va e nessuno vuole cambiare il capo (almeno per ora) ;)

      Elimina
    3. Allora se ti posso mandare afc quando voglio,
      sei giusto il capo che cercavo.
      che culo averti trovato con un semplice post!
      ti mando subito il c.v.,
      di disabili ho esperienza pluridecennale.

      Elimina
  8. Questa è amicizia vera! Come sapere che, se e quando deciderò di uccidere qualche personaggio scomodo, potrò telefonare ai miei amici per aiutare a sezionare il cadavere e scavar la fossa. Non ho molta manualità!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Urka.
      Non ho mai avuto un commentatore con idee pluri-omicide.
      In ogni caso non contare su di me, sono una disprassica senza alcuna possibilità di miglioramento. Ho il certificato medico.
      Pensa che stasera sono stata ferma per cinque minuti nella hall dell'ospedale, intenta a concludere l'ardita impresa di chiudere un ombrello.

      Elimina
  9. Occhio che poi vale il principio di reciprocità.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Già reso, in anticipo.
      La mia amica è la classica persona che quando ha le palle girate se la prende con tutti, quindi anche con me.
      E'un gran brutto difetto, ma per il resto ha un cuore d'oro.

      Elimina
  10. Bellissimo.
    Sì, gli amici sono qui per questo.
    Non so se hai avuto modo di leggere il mio penultimo post, è una lettera che ho dedicato ai miei amici fisici dell'Abruzzo.
    E in molti mi hanno lasciato un commento, alcuni davvero commoventi. Da chi proprio non te lo aspetti che possa scrivere cose simili.
    Inoltre ieri mi hanno pure fatto la cena a sopresa.
    Mi sono sentito, per un attimo, quasi in difetto. Come se non meritassi tutto questo.

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Va bene!
      Se riesco la leggo stasera,
      Dottor Mozzzz

      Elimina
  11. Chi li manda li merita
    i vaffa sul lavoro li mandano solo gli incapaci,
    quelli non non sanno crearsi attorno il gruppo
    quelli che non riescono a prendere decisioni condivise
    perchè non hanno la capacità di ne' di convincere ne' di condividere.

    Per quel che riguarda Bersani ha tutta la mia stima,
    l'errore l'ha fatto Veltroni (che peraltro stimo)
    quando ha aperto il partito ai margheritini
    adesso ce li troviamo tra i piedi e remano contro
    come erano abituati a fare nella DC.
    Ciao.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ci sono persone che fanno il capo da una vita pur non avendone le capacità.
      Il problema è che nessuno dice loro la verità-tantomeno lo può fare un sottoposto- e quindi non se ne rendono nemmeno conto.
      Purtroppo queste persone hanno il potere di influenzare l'ambiente lavorativo creando zizzania o alimentando le divisioni (divide et impera),
      e quando hanno raggiunto questo scopo passano alla mossa successiva: disintegrare le persone che le stanno sul c***o.


      Elimina
  12. le stanno sul c***o
    Quell'articolo, "le" fa pensare a un capo donna.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In realtà è un refuso, avrei dovuto scrivere: stanno loro sul c***o,
      perchè stavo parlando al plurale.
      Me ne sono accorta subito ma non avevo sbatta di correggere.
      Bè ormai mi sono tradita-
      La differenza tra un capo donna e un capo uomo?
      L'uomo fa lo stronzo, se lo è;
      la donna, che come è noto fa le cose più intensamente, ci aggiunge una buona manciata di perfidia.
      Nel mio caso trattasi di persona con disturbo della personalità.

      Elimina
  13. A me questa nuova moda o mania(?) di mandare e essere mandati afc (vedi che non lo scrivo nenche intero)non piace anzi mi infastidisce.Mi sembra una scorciatoia per risolvere le questioni,capisco che ogni tanto sia liberatorio ma ultimamente è diventato quasi uno slogan...che sia una conseguenza del grillo e dei grillini? dimenticavo,se mi ci mandi mi offendo
    Buona Pasqua

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tranquillo non ti ci mando ...
      anche perchè a freddo ho capito che l'unica persona che volevo mandarci ero io, per non aver reagito.
      Hai ragione, la moda del vaffanculismo è roba da trogloditi; la paternità politica però è della lega, Grillo l'ha solo scimmiottata.

      Elimina
  14. Dimenticavo, Buona Pasqua anche a te.

    RispondiElimina
  15. quando ci vuole ci vuole ...

    RispondiElimina

Parla! Adesso o mai più!