domenica 29 luglio 2018

a mano a mano


Il temporale è vecchio e stanco, o almeno lui si sente così. Sente che non ha più voglia di sbattersi più di tanto, che non gli importa più di dominare il cielo e di incutere paura in terra. Esplode in un'ultima, inutile sfuriata e si allontana ciabattando e scatarrando, con un solo desiderio, raggiungere la poltrona in salotto, caricare la pipa e  fumarsela in santa pace. 

La pioggia si ferma un attimo, sull'attenti, giusto il tempo di un saluto in segno di rispetto, poi ricomincia a picchiare duro, e va bene così: la terra  non vede l'ora di inzupparsi, le cisterne negli orti e nelle vigne salvate dall'incuria di riempirsene fino a traboccare, le piante di ubriacarsi, i fiori di aprire la bocca senza curarsi di sciupare le corolle. 
Al limitare del bosco, la civetta sente tutto e osserva tutto, con la vista e l'udito da rapace che ha  non può scapparle niente, nemmeno quel toporagno che corre verso la tana. Si libera dell'acqua in eccesso con uno scrollo d'ali, un gesto banale che solo un volatile riesce a rendere elegante, smette di roteare il capo, chiude gli occhi e decide che, per stasera, non canterà e non andrà a caccia. Chissà, forse andrà a civettare con il temporale, sempre che quest'ultimo le apra la porta.
Due bambini, un maschio e una femmina, corrono in casa lasciando le scarpe bagnate sulla soglia. Si mettono le cerate e poi riprendono la loro corsa sotto la pioggia, mano nella mano,  incuranti del richiamo degli adulti.
Dopo il caldo soffocante e infido di questi giorni, la pioggia è una promessa mantenuta. E' una cosa buona e giusta, buona come un gesto gratuito e giusta come una preghiera, o come l'esame di coscienza che facevi, da piccola, prima di addormentarti.  

13 commenti:

  1. I temporali d'estate sono sempre più rari, poi dalle mie parti diventano subito allerta gialla. Però mi evitano di annaffiare!

    RispondiElimina
  2. EVVIVA I TEMPORALI D'ESTATE ... che portano refrigerio e quel pizzico di autunno che fà tanto bene !!! ^_^
    Un sol difetto, tuttavia, ce l' hanno anche i temporali d'estate !
    Quale ???
    Che non si portano via, insieme alla calura, quei due bastardi del di maio e del salvini che, oltre ad essere due incapacissimi antipatici, stanno rovinando la nostra povera Italia ! 0_*

    RispondiElimina
  3. Ah Cavaliere, gira che te la gira tu la butti sempre in politica!
    Ti stai godendo le gioie della villeggiatura?

    RispondiElimina
  4. Si e no : come sai, io, pur romano, abito da anni ad Anzio ( e ci venivo, fin da bambino, nelle colonie organizzate dal PCI tramite l' UDI per i figli degli operai italiani che, di certo, non si potevano permettere colonie costose ), e mi ci trovo assai bene ! Mi godo questo mare, i nipotini, le letture a riva sotto l' ombrellone, le cenette a lume di candela in splendidi ristoranti tutte a base di pesce .... e tuttavia, non posso fare a meno di pensare ! E mi piange il cuore, al pensiero di quei due loschi figuri der sor sarvini e der sor di majo, che nun solo nun so' bboni a fa' n' cazz .... ehm ... niente, ma ci mettono pure la loro antipatia ! Almeno il cavalier berlusca era, ed è, simpatico ... ma quei due lì NOOOO, tacci loro ! *_*

    RispondiElimina
  5. Adesso,un bel temporalone,mare grosso e vento teso,lo gadirei.
    Ciao,Fulvio

    RispondiElimina
  6. @cavaliere spiacente ma non concordo. Qualsiasi faccia nuova, pur con tutti i dubbi leciti, è meglio di quel brutto, bruttissimo ceffo.

    RispondiElimina
  7. @Fulvio
    Dopo una giornata afosa e torrida, qui finalmente è arrivata la gradita visita di un emporale . Speriamo anche domani, dato che mia figlia torna dalla Puglia con una cassetta di pomodori e devo fare la salsa!

    RispondiElimina
  8. Il temporale visto da una barca è terribile, ho sempre paura che mi arrivi un fulmine in testa d'albero e mandi tutto per aria, me compreso.
    Ciao.

    RispondiElimina
  9. Oh signur avrei paura anch'io, molto di più considerata la mia avversione verso le imbarcazioni. Mi chiedo: Quanto è prevedibile il temporale in mare? Come ci si può tutelare?

    RispondiElimina
  10. In mare la cosa più alta sono gli alberi delle barche a vela quindi il fulmine può essere attirato dall'albero, si può prendere qualcosa di metallico che colleghi le sartie (quelle cime d'acciaio che tengono in piedi l'albero) all'acqua, può essere utile anche la catena dell'ancora poi si dovrebbero spegnere tutti gli strumenti elettrici e scollegare le batterie infine prendere tutti i telefonini e le radio portatili e metterle dentro il forno in modo che si possa creare una gabbia di Farday e non si fulminino. Qualcuno sull'argomento c'ha scritto libri, io te l'ho detto in modo approssimativo, te mica hai d'andare in mare in cerca di temporali! Ciao.

    RispondiElimina
  11. No no io al mare non ci vado nemmeno con il bel tempo.
    Anche qui in montagna i temporali non scherzano, ogni volta che lo sento arrivare mi preoccupo per mio marito, che ha una catenina d'oro al collo, e non c'è nessun forno a microonde nei paraggi.

    RispondiElimina
  12. Quella del marito con la catenina al collo è mondiale. Vigliacca!

    RispondiElimina
  13. In che senso?
    Guarda Guido che stavo parlando seriamente!
    Un mio amico è morto proprio per quel motivo, esattamente 30 anni fa.

    RispondiElimina

Parla! Adesso o mai più!