sabato 2 luglio 2011

guarire dal diabete si può

"Una dieta rigida da 600 calorie giornaliere porterebbe alla guarigione dal diabete di tipo II, come provato su un campione di volontari."

Lo sostiene il diabetologo Massimo Massi Benedetti, della International diabetes federation, commentando uno studio dell'Università di Newcastle.
 
SEICENTO CALORIE GIORNALIERE?
Sono dei geni, questi newcastoliani. Sono sicura che la loro terapia conduca alla scomparsa definitiva della malattia.
Avete mai visto un cadavere diabetico?

6 commenti:

  1. Buona la tua battuta.
    Con 600 calorie al giorno, specialmente nei mesi invernali si guarisce dal diabete II, forse,ma si muore sicuramente per qualche altra ragione, tipo consunsione.
    Ottimo sarebbe per chi soffre di dolori di stomaco: senza cibo da digerire diminuirebbero di sicuro i dolori.
    Geniale questa dieta.
    Questo signor MMB mi sembra un santone come i tanti dietologi che vengono a sproloquiare negli italici programmi di mamma RAI.
    Io 600 calorie me le pappo a colazione, col caffellatte, vedi un po' tu. Me ne frego dei dietologi, degli sproloqiatori, non premndo mai medicine se mi sento male o se mi viene un'influenza; dal medico ci vado volentieri come quando vado in chiesa;dal dentista quando mi fa male un dente; dall'urologo per farmi prescrivere Omnic 04, altrimenti non faccio più pipì; mangio quando mi viene appetito; molto volentieri pasta, minimo 150 grammi solo per me, con sughi e peperoncino rosso; non bevo mai più di mezzo bicchiere di rosso a pasto; non fumo più da 26 anni; se non mi va me ne sto seduto davanti alla TV o al PC e non faccio un passo in libertà, insomma l'esatto contrario di quello che i dietologi comandano e sto benone. Nemmeno sovrappeso, perché alla mia età peso 83 chili, per 1,80, tanti quanti ne pesavo a 55 anni.
    Tiè.
    E soprattutto me ne frego e non ho paura di crepare.
    Fatelo tutti, questo è il metodo migliore per allontanare malattie e la morte.
    Ciao.

    RispondiElimina
  2. Bravo Iacopons, mi sembra un ottimo consiglio.
    Però sei hai paura della morte è dura, perchè, come dice don Abbondio,
    " Il coraggio uno non se lo può dare " .

    Condivido la scelta della PASTA AL PEPERONCINO. La mia preferita: TANTO aglio poca cipolla TANTO peperoncino poco pomodoro fresco TANTO prezzemolo ma solo alla fine. SLURP!!
    Essendo in piena sindrome premestruale, me la papperei all'istante, anche se ho appena finito una fetta di torta paesana.
    Prosit!

    RispondiElimina
  3. @ NINO,
    ci fanno ... i soldi!

    RispondiElimina
  4. Dimenticavo: quel santone che predica le 600 calorie ha mai sentito parlare di "metabolismo basale"?
    Anche restando tutto il giorno in casa coi quotidiani movimenti, guidando una macchina nel traffico per un'ora io -come tutti- consumo oltre 1000 calorie, anche solo girandomi da un fianco all'altro dentro il letto.
    Avrei quindi un -400 calorie giornaliero; ciò significa che dopo un solo mese io starei sotto di 12.000 calorie, avendo già consumato integralmente le mie riserve di grasso ed avendo già intaccato quelle degli zuccheri e di altri minerali importantissimi.
    Credo di poter stimare in un massimo di tre mesi il tempo che mi resterebbe di sopravvivenza.
    Di sicuro il diabete II sarebbe debellato, anche il diabete III e IV e certamente anche il diabete V, dentro la cassa darebbe il diabete VI gli ultimi sussulti.
    No, grazie, mi preferisco così, esattamente come sono.
    Se tu però mangi torta paesana invece di darla in pasto al tuo gatto, ti si riempie di ricciolini di ciccia il tuo sedere, mulier patavina.
    Mangia peperoncino rosso, che metterei dappartutto, anche nel ragù.

    RispondiElimina

Parla! Adesso o mai più!