domenica 6 gennaio 2013

l'umiltà del quotidiano

Ad Alberto Cane piace fotografare la sua bici a zonzo per Milano e poi farne dei sondaggi, non ho capito perchè.
A me piace fotografare i panni stesi, anche nel mio caso non ho  capito perchè.


49 commenti:

  1. Sai che anche a me piace tantissimo fotografare i panni stesi?In particolare ricordo una bellissima foto con dei mutandoni ai Sassi di Matera.Non so quale recondito significato abbia questo atto, posso solo dire che mi piace e basta e che adesso siamo in due, ma forse chissà in quanti saremo..... Sereno anno
    Emi

    RispondiElimina
    Risposte
    1. caspita, quella dei Mutandoni di Matera mi manca!
      Sereno, serenissimo anno anche a te Emi, ciao :)

      Elimina
    2. amo i panni stesi!!!!!!!!!!

      Elimina
    3. Scusami, non t'avevo vista!
      E'che mi è sparito il gadget "commenti recenti"!
      ciao ora (se non ora, quando?)

      Elimina
  2. uh c'è tutta una filosofia su come si stende, il colore delle mollette, la disposizione sul filo dei panni, il tipo di cose stese.
    insomma dimmi come stendi e ti dirò chi sei.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Verissimo! Se stendi a muzzo, come me, vuol dire che sei muzza anche di testa.
      Ci si potrebbe fare uno di quei test da rivista, banalmente idioti!
      Qualcuno deve averci anche fatto un post, qualche tempo fa, ma non ricordo chi.

      Elimina
  3. Quelli di Rocca Campiglia Marittima sono belli precisini,
    le federe di flanella e i pigiami belli spessi
    poi le mutande di pizzo di generosa misura
    Quelli di Casale Marittimo hanno le mutande di intimissimi col tricolore
    di cui due stese a verso e le altre stese per il cavallo che quando le vedo stese così mi viene sempre da toccarmi.
    poi quelli di casale hanno fatto una lavatrice con le maglie di lana
    e lì si infittisce tutto.
    Per me son più bravi quelli di Rocca Campiglia.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Alla faccia dello spirito d'osservazione!
      Come le hai viste le mutande di pizzo di generosa misura?
      Con la lente d'ingrandimento?
      Ti chiamerò occhio di lince, o aquila vedente,
      e comunque mi hai fatto troppo ridere!

      Elimina
  4. Risposte
    1. Non lo so se siano belli a vedersi.
      Dipende da ciò che viene steso, forse, anche :)))

      Elimina
  5. un classico sono i panni stesi nei vicoli di Napoli da un balcone all' altro...penso che se questa e' la tua passione, devi assolutamente
    fotografarne qualcuno, avrai solo l' imbarazzo della scelta ...
    buon anno

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mai passata da Napoli!
      Ci andrò appena posso, con questa missione.
      Grazie del consiglio e buon anno anche attìa :)

      Elimina
  6. I panni stesi sono come anime sfilacciate messe in esposizione.
    Tu passi, vedi i panni e immagini chi ci stia dentro normalmente: pensi a belle fanciulle e poi magari ci sta dentro una vecchia baldracca, ma la fantasia supera sempre la realtà, come deve essere.
    Vedi una bella camicia a quadretti e pensi al bel fico che ci si pavoneggia dentro, magari ancora celibe; invece ci si copre un vecchietto bavoso, che la sbava mentre tenta di sputare lontano, così domani sua moglie dovrà rilavargliela annaffiandolo di improperi.
    I panni stesi sono il rifugio della fantasia di ognuno di noi che abbia a disposizione note fantastiche; poveri coloro che vedendo panni stesi pensino alle fatiche della lavandaia e al puzzo di sudore che vi si annidava prima, e che vi si anniderà dopo un po' che verranno nuovamente usati.
    Insomma di fronte a panni stesi dovrebbero passare solamente poeti, pittori, fotografi artistici come te e scienziati mancati per un soffio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. :)))
      Non ho capito chi sono e cosa ci andrebbero a fare gli scienziati mancati per un soffio al tour dei panni stesi, ma devo dire che pur nella sua incomprensibilità è una gran bella espressione!
      Ciao Enzo

      Elimina
    2. Chiarisco "parte" della incomprensibilità, il resto rientra nell'ermetismo che mi è proprio quando penso e trascrivo i miei pensieri.
      Dunque: mai seguiti in TV certi dibattiti, dove specialisti o pseudo specialisti in qualche cosa, scienziati o pseudo scienziati esprimono le loro super idee? Non ti è venuta mai la voglia di mandarli a scopar il mare?
      Dato che è un'espressione ahimè molto trita ancorché raffinata mi è venuto in mente, guardando le tue foto molto artistiche, di mandarli a rimirar mutande con pizzo di più o meno generosa misura e camicioni rurali in giro per il mondo. Sarebbe un'occupazione più attinente alle loro cerebrali attitudini.
      Me spiegai?
      Ciao Silvia.

      Elimina
  7. Ehi, ma cosa ci fanno le mie mutande a Casale Marittimo?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. :)))))
      Mi fai morire dal ridere!
      (Quelle tricolori?)

      Elimina
  8. Quelli del luogo imprecisato sono deliziosi!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' la foto che preferisco, delle quattro.
      Sono panni di alta montagna. Roba forte!

      Elimina
  9. Anche io adoro i panni stesi. Quando giro per i quartieri storici della Napoli vecchia, come la Pignasecca e Spaccanapoli anche io li fotografo, immortalando un folclore unico al mondo.
    Preoccupante nel mio caso l'interessante teoria del "dimmi come stendi e ti dirò chi sei": stendo con una precisione maniacale...mi sa che son proprio una nevrotica!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Confermo.
      Tanti anni fa un'amica venne a stare da me qualche giorno, per aiutarmi coi bimbi piccoli, dato che mio marito era in germany col sindacato.
      Mentre ci accingevamo a stendere, mi chiese se doveva appaiare le calze.
      Se un marziano m'avesse chiesto se gradissi per pranzo spezzatini di meteoriti, credo che l'avrei guardato nello stesso modo.
      Suvvia, siamo tutti nevrotici, chi in un modo chi in un altro.
      L'importante è esserne consapevoli!
      Ciao belli!

      Elimina
  10. I panni stesi sono una rappresentazione necessaria, del nostro intimo, di una dignità regolata, di una tradizione intoccabile...bellissime foto. :)

    RispondiElimina
  11. Forse ciò che mi attira è che tu sei in giro a fare la turista, ammiri monumenti e chiese e panorami e scorci e statue e poi alzi gli occhi dalla lettura della guida e questi panni stesi ti dicono: ehi, questo paese è abitato da gente normale, come te, gente che lava e stende e ritira i panni.
    Ricordo che nel 2000 mandai una cartolina al mio ex mitico prof, dalla provenza, raffigurante la finestra di una casa colorata di fiori, e gli scrissi qualcosa come "Mi piace osservare case come questa, dove l'umiltà del quotidiano si affaccia alla finestra del mondo, per calmare la frenesia del turista".
    Mi rispose che avrei dovuto fare la poetessa, non l'insegnante :)
    Mi è venuto in mente quando ho scelto il titolo del post.

    RispondiElimina
  12. I panni stesi sanno di "famiglia" :)
    Son belle le tue foto! :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie around ... ma che diamine vorrà dire?
      intorno al sottoterra?
      Ciao, a rileggerci!

      Elimina
  13. Sono arrivato qui dal blog di Arounderground...
    belle foto, sì ;)

    E direi che è l'intero blog a sapere di... famiglia :)

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. senti odore di mamma?
      sì, sono io.
      una vecchia mamma in età di nonnitudine.
      hai fatto bene a seguire la tua amica, bisogna sempre seguire gli amici, quando non ti portano sulla cattiva strada!
      io invece sono arrivata da around .. ecc .. partendo dal blog di angelo,
      vedi come è piccolo il mondo.
      ciao due cucciolotti, tornate pure quando vi va di sentire odore di mamma :)

      Elimina
    2. Certo, tornerò!! :)

      Se ti va, passa a trovarmi^^

      Moz-

      Elimina
    3. sono passata, ieri l'altro, ma sono scappata subito quando ho sentito odore di Powellite :))
      scherzo, ma neanche tanto: ogni volta che vedo uno scout mi preoccupo per la natura!

      Elimina
    4. Ahahah, cavoli!
      Beh, se ti può tranquillizzare, sono uno scout atipico :)
      Anzi, a dire il vero, non faccio più parte di quell'associazione da ormai anni ed anni!
      Però fidati che io mi sono sempre impegnato a lasciare tutto meglio di come l'ho trovato, e ho un profondo rispetto per la natura... ! :)

      Moz-

      Elimina
    5. Scout atipico vuol dire che mettevi i pantaloni alla zuava invece che sopra al ginocchio?
      Li ho incrociati anche domenica, salivano sul treno per tornare a Milano.
      Ogni volta che li vedo chiedo a mio marito:
      mi spieghi perchè uno dovrebbe andare in giro in pieno inverno coi pantaloni corti?
      lui non me lo spiega mai, ma io glielo chiedo sempre.
      :))

      Elimina
    6. No, no, l'uniforme che indossavo era quella^^ (ma in inverno avevo i pantaloni lunghi, eh! Forse hai visto degli scout tedeschi :p)

      Moz-

      Elimina
    7. Ma allora non eri un vero scout, forse eri finito in un gruppo eversivo!
      Non esistono scuot coi pantaloni lunghi!
      Perlomeno, io non li ho mai visti, nemmeno in pieno inverno!
      Cioè, magari uno te lo trovi, ma fa la figura della pecora nera!

      Elimina
    8. Oddio, nel mio gruppo ricordo che tutti avevamo i pantaloni lunghi in inverno!
      Ora che ci penso... oddio, forse ero davvero in un gruppo eversivo LOL
      Te l'ho detto che sono (stato) uno scout atipico! XD

      Moz-

      Elimina
  14. Belli i panni stesi:se li osservi bene ci puoi leggere tante cose delle persone,da come sono stesi a cosa c'è steso...

    RispondiElimina
  15. già, come si diceva sopra.
    c'è chi stende a muzzo (massaia disordinata) e chi ordinatamente (massaia nevrotica)
    c'è chi stende perizoma (presenza di giovani fanciulle) e chi mutandoni della nonna (presenza della nonna)
    ... a ben pensarci i panni stesi dovrebbero essere protetti da privacy!! :))

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Scusa se commento qui, come risposta e non con un commento generico ma a muzzo è una cosa proprio delle mie parti e mi son sentito a casa :)

      Elimina
    2. vuoi le pantofole?
      un caffè?
      la pipa?
      ;)
      a muzzo lo dice mio figlio, e io imparo.

      Elimina
  16. fotografare i panni stesi forse perchè LI' dove sono stesi ci vive gente che ha voglia di pulito...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. già.
      LI', scritto in maiuscolo.
      per contrapporlo al LA', dove è iniziato lo strazio della campagna elettorale
      dove vive gente che non sa quanto costa un litro di latte,
      dove straparla gente che comincia a promettere cazzate a raffica, (leggi berlu)
      dove altra gente ha perso il senso del ridicolo e dell'imbarazzo (leggi lega)
      :(

      Elimina
  17. Bandiere al vento, vessilli di una assenza che li rivestirà celandosi nell'odore di pulito. Mi vengono così, non ho mai capito perchè. Ciao Silvia

    RispondiElimina
    Risposte
    1. direi che ti vengono bene, e quindi non serve scoprire il perchè.
      ciao rò

      Elimina
  18. Con i muri in pietra dietro sono perfino belli, armonici.
    :)

    RispondiElimina
  19. Contenta che ti piacciano, Walker :)

    RispondiElimina
  20. Bellissimi! Io odio stendere i miei alla vista di tutti. è una strana fissazione la mia

    RispondiElimina
  21. come dicevo a Simona Cuneo, ognuno ha le sue ossessioni!
    io non ho problemi, il balcone dà sul bosco e agli uccellini delle mie mutande non importa niente!

    RispondiElimina
  22. Oh, mi era sfuggito il post. Mi piace l'ultima foto. Anche per il bel muro di pietra. Ciao.

    RispondiElimina
  23. Grazie d'aver votato, pensavo che fosse scontato anche per gli altri commentatori dimenticandomi però di non essere nel tuo blog!

    RispondiElimina

Parla! Adesso o mai più!