sabato 23 gennaio 2016

cose da pazzi


avrei voluto un bagno così, ma poi sono andata all'ikea
Sono tempi pazzi, questi.

Capitano cose fuori da ogni logica, senza alcun senso, ad esempio  mi succede di parlare con le persone a metà. 
Non nel senso che mi sono imbattuta in un visconte dimezzato o in qualche donna spezzata ma nel senso che il mio interlocutore  mi dà retta al 50%, essendo l'altro 50% impegnato in faccende virtuali.
Del tipo che incontrate una persona, gli chiedete "come stai?" e quella prima di rispondervi estrae il cellulare dalla tasca e gli dà un'occhiata. Come se prima di rispondere: "bene", "così-così" o "non c'è male" dovesse consultare il www oroscopo.
Quando succedono cose di questo tipo ci resto male, perchè mi sento surclassata da uno schermo. 
Ci resto male perchè mi viene il dubbio che la virtualità abbia superato la vita vera ... che uno stupido video che gira impunito a bordo di quella sciagura relazionale chiamata whatsapp sia più pregnante di una persona in carne e ossa. 
Che le persone abbiano dimenticato di guardare il cielo per vedere che tempo fa.
Che un grande fratello diabolico abbia trovato il modo per farci abbassare la testa a tutti quanti: guardatevi in giro! Girano tutti a testa bassa! 
L'ultima volta che mi è successo un fatto del genere stavo parlando con un prete. 
Gli ho fatto una domanda, non ricordo riguardo a cosa, e lui invece di estrarre dalla tonaca il breviario ha estratto dalla tasca dei jeans il cellulare, ha premuto un tasto, ha dato una scorsa, l' ha rimesso in sacoccia e infine mi ha risposto. 
" Cose da pazzi" avrebbe commentato il mio povero papà, usando una delle sue espressioni preferite. 

 

38 commenti:

  1. il bagno è caruccio, anche se quel tipo di sanitari costano un botto, tipo il bidet vien via con 400 euri ... detto ciò una cosa che sto imparando a fare con quelli che non ti cagano e guardano lo smartphone è andarmene. e se replicano qualcosa gli dico: tranki te lo dico con un sms

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ahahahah ... te lo copio giuro!!
      Ecco, i sanitari non li ho ancora acquistati. Propendo per i modelli sospesi. Adesso ci sono i water senza braga, più facili da pulire, ma non ho ben capito come -e se- funziona lo scarico dell'acqua. Tu sei un intenditore? Cioè, voglio dire ... sei un architetto o qualcosa del genere?
      Nel caso ti chiederei un consiglio sulle piastrelle. :)

      Elimina
    2. i sanitari sospesi sono comodi e molto di moda, unica attenzione a come vengono installati, ovvero con la staffa ad L che è garanzia di stabilità. (la Galassia ne ha dei bei modelli, abbordabili) ti consiglio di abbinarci una cassetta Geberit incasso) Io anzichè piastrelle ho scelto il mosaico vitreo, buon prezzo e buona luminosità ... a quali piastrelle pensavi

      Elimina
    3. Sui sanitari devo ancora consultare il mio idraulico, speriamo che non mi bocci l'idea DEL SOSPESO perchè lui oltre ad essere un bestemmiatore seriale come scrivevo in un vecchissimo post è anche una persona dispotica.
      Per le piastrelle ho girato mezza lombardia cambiando idea cento volte ... ora finalmente ho scelto! gres porcellanato effetto parquet per il pavuimento, colore grigio, e per il rivestimento piastrelle di ceramica bianca con striature grige. per la doccia piastrelle effetto muretto COLORE varie gradazioni di grigio.
      Il rivestimento pensavo di farlo alto solo un metro e venti ma mio marito è contrario ... tu che ne pensi? .... Aspetto parere e ... parcella consulenza!

      Elimina
    4. il gres porcellanato effetto parquet è molto piacevole, abbi l'accortezza di metterle in diagonale rispetto alla porta d'ingresso altrimenti pare di entrare in una stalla. in doccia ti consiglierei qualcosa di liscio e facilmente pulibile. per l'altezza o trovi un riferimento tipo il davanzale della finestra o qualche altro allineamento che dia ordine all'insieme, non inventarti altezze a cazzo ... il grigio è considerato un colore neutro e fa spiccare il bianco dei sanitari quindi puoi dar colore con gli accessori ...

      Elimina
    5. una stalla? :)))
      non mi piacciono le piastrelle in diagonale, pensavo di metterle sfalzate.
      non mi sono inventata l'altezza del rivestimento, dovevo scegliere tra il classico due metri o il più "moderno" uno e venti. il davanzale è troppo basso!
      ho scelto il grigio perchè il mobile del lavabo è marrone scurissimo in pratica nero. mi piacerebbe mettere uno specchio particolare sopra il lavabo, magari usato, ce ne sono tanti su subito.it.
      prossimo passo la scelta della doccia ... mamma mia, quanto tempo, manco fosse la fabbrica del duomo!
      grazie dei consigli, sei stato gentile!

      Elimina
  2. Risposte
    1. Cosa? Il prete versione 2 punto zero o il bagno?

      Elimina
  3. Cose da pazzi sì. Questa gente non è mai presente è sempre altrove, in un altrove.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In realtà crede di poter fare due cose contemporaneamente.
      Maledetto multitasking!

      Elimina
  4. Zombie metropolitani. Ogni tanto, ipnotizzati dal loro smartphone, ne vedo qualcuno che si schianta su qualche palo della luce o sul palo della fermata dell'autobus posti sul marciapiede. Tutto ciò è molto smart :))

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se si schianatano per conto loro va bene, il problema è lo schianto con l'automobile.

      Elimina
  5. Oggi ero al ristorante con mio marito: alla mia sinistra tavolo con coppia sulla settantina, lui sempre a consultare il telefono, di seguito coppia sulla trentina tutte due sul telefono, a fianco tavolo con 5 ragazze tutte a ridere mentre guardavano e scrivevano sui rispettivi telefoni. Ironicamente chiedo al cameriere: si prende bene il segnale qua dentro? e lui: si si, le do subito la password!!!!!!! Peccato che io non possegga uno smartphone. Penso di essere out.......povera me!!!!!!!
    Emi

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non possiedi lo SMART? Ma allora sei GREAT!!! Ti stimo!
      Quindi l' alternativa sei tu!!

      Elimina
  6. Non è solo il cellulae,
    secondo me è il telefono, tutti, anche i fissi;
    ero dal dottore e a un certo punto gli è arrivata una telefonata
    è stato con la cornetta attaccata all'orecchio per un quarto d'ora
    a sentire isintomi, dare una diagnosi e il rimedio.
    Io ero lì davanti e avevo già fatto la fila per arrivare da lui!
    Siamo nell'era della comynicazione
    e non riusciamo a parlerci a quattr'occhi.
    Ciao.

    RispondiElimina
  7. In effetti da fastidio vedere come il telefono abbia sempre la precedenza.
    Tuttavia l'invadenza del fisso non è minimamente paragonabile a quella del cellulare.
    Ciao, buona settimana!

    RispondiElimina
  8. Ieri, la foto di testata, un piccolo borghetto delle Alpi, con le pareti rocciose di montagne sullo sfondo, era spettacolare, bellissima! :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La rimetterò, questa vignetta è provvisoria.
      Non era un borghetto ma una chiesa, non erano le Alpi ma le prealpi. vedi qui
      Su una cosa ci hai azzeccato, la foto era bellissima e anche il posto!

      Elimina
    2. 'azz, http://www.libereali.it/ è un luogo interessantisssssimo! ((8)

      Elimina
  9. Già osservato più volte.
    Il Corriere pubblica regolarmente gallerie di foto che riprendono scene di vita quotidiana tanto grottesche quanto frequenti di lobotomizzati furbofonodipendenti e la loro connessione permamente con la appendice che distribuisce loro barlumi di vitalità, per dirla alla Giovanni Lindo Ferretti.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non so chi sia questo tizio, andrò a chiedere informazioni!

      Elimina
    2. ah walker ieri il sottobosco era pieno di primule e pervinche. la nostra pazzia ha contagiato perfino la natura.

      Elimina
    3. Primule in fiore anche qui, oggi.
      :(

      Elimina
  10. Oibò, non c'ho lo smart e i miei amici credono che la vocina automatica di Vodafone che avvisa che "l'utente chiamato ha il telefono spento o momentaneamente non raggiungibile" sia quella d'una segretaria che ho assunto a tempo pieno, perché risponde sempre lei. Quando si lamentano rispondo loro: "La mia casa ha un campanello e sai dove abito".

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Giusto.
      Si arriverà al punto che il marito che sta facendo la barba in bagno manderà un w.a. alla moglie che traffica in cucina con scritto: butta la pasta!
      Ciao mister, tu sei quel tizio dalle manine d'oro vero?

      Elimina
  11. Cara Silvia, non so quanti anni tu abbia e non intendo chiedertelo...ma sicuramente appartieni a una "generazione" precedente! Secondo me il problema vero nascosto, ma neanche tanto, su cui hai messo l'accento sono le generazioni di oggi che vanno dai 14 (e ora anche meno) ai 25 anni circa...lo smartphone e il loro mondo dove non entra più nessuno...dovrebbero essere i genitori a imporsi di più, cosa che purtroppo non succede. Anche perché in fondo la maggior parte della generazione dei genitori di oggi è poi quella per cui è il professore a sbagliare e non i propri figli. Io però voglio essere ottimista, perché sono a contatto don diversi colleghi giovani che sono dei veri talenti, e il cui comportamento è ben diverso da quello descritto! Sono ragazzi che sanno ascoltare. Che è poi la cosa più difficile da fare, anche senza smartphone. Un abbraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Nico matematico come stai? Stai ancora a girare il mondo?
      Fosse come dici sarebbe più capibile, in realtà lo smart-drug crea dipendenza anche negli adulti. Gente della mia età (sulla cinquantina) che non può fare a meno di essere costantemente connesso.
      Ti è mai capitato di finire nella rete di un gruppo whats app?
      Io non ho voluto entrare in quello dei colleghi, e non capisco quale bisogno ci sia sotto.
      Non li vedi già abbastanza e anche troppo durante la giornata?
      Che voglia hai di averci a che fare anche quando sei fuori dal lavoro?
      Tu invece hai a che fare con giovani talenti? Che fortuna!
      Sì, la capacità di ascolto vero ed empatizzante è una qualità rara. Un abbraccio anche a te ... a presto!

      Elimina
  12. Alla base c'è sempre una grossa mancanza di educazione.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche di gente solitamente educata!

      Elimina
  13. Io a volte esco senza cellulare apposta per poter camminare col naso all'insù

    RispondiElimina
  14. Ma quanto è bello camminare col naso all'insú!
    Ciao, benvenuta! Hai un blog culinario?
    Vengo subito a curiosare:)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Silvia!! Grazie del benvenuto :)
      No, niente blog culinario, mi piaceva il nome e lo uso per scrivere di me (anche se per ora ho scritto ben poco). Mi farebbe piacere se passasi :D

      Elimina
  15. ho una predilizione per i blog che sanno di casa e di cucina, ma passerò comunque da te in onore della marmellata di castagne ... mi hai fatto venire voglia di mangiarla!!

    RispondiElimina
  16. Io ho un telefono che non fa manco le foto, sono poco social...

    RispondiElimina
  17. Io non ho mai comprato un telefono in vita mia, mi arrivano tutti gli scarti della famiglia!
    Il mio smart farebbe anche le foto, ma è una funzione che non uso, non mi serve. Già mi annoiano i contatti che mi mandano le foto di qualsiasi cosa!

    RispondiElimina
  18. Mi piace il nome "zombie metropolitani"... Esplica in due parole tutto quello che c'è da dire! Naturalmente anche io purtroppo mi includo in quella categoria.

    RispondiElimina

Parla! Adesso o mai più!