lunedì 11 gennaio 2016

About Colonia

La mia new web friend americana mi manda un articolo sui fatti di Colonia. Lo definisce illuminante. Gli do una scorsa veloce, non ho voglia di concentrarmi. Le rispondo che lo leggerò in settimana, ma che spero dica qualcosa di più intelligente del tale Buttafuoco, ascoltato ieri alla radio mentre cucinavo. Quali perle di saggezza sono uscite dalla testa di questo tizio? 

Per prima cosa si chiede come mai i maschi tedeschi non abbiano difeso le loro donne. (!!)
Poi afferma che gli aggressori erano ubriachi, quindi non poteva trattarsi di musulmani. (!!!)
Concludo la mia mail così:
siamo sicuri che dobbiamo trovare per forza delle "spiegazioni" a quello che è successo?
Io propendo per una condanna senza appello. Non voglio sapere niente del perchè e del percome. Non riusciamo nemmeno ad affrontare i problemi interni della nostra società, perchè dovremmo accollarci anche quelli di questa gente?
Non so se mi sono spiegata, so solo che  il fatto di aver subito una aggressione sessuale quando avevo 17 anni mi riempie ancora di rabbia.
Mi risponde stasera stessa.


Concordo con te e sono  in disaccordo con  le conclusioni e soluzioni prospettate dall'articolista.
Non e' possibile rieducare moralmente e cambiare le idee e atteggiamenti di una simile marea di immigrati maschi.
E d'altronde una immigrazione fatta quasi esclusivamente di giovani uomini con il testosterone alle stelle e un background culturale e religioso simile , per forza , avrebbe creato gli squilibri sociali ai quali stiamo assistendo, non ultima la mancanza di lavoro anche per i nostri giovani europei, basta guardare la percentuale di disoccupazione giovanile in Italia . Guarda quanti giovani italiani stanno emigrando dal Belpaese !
Un massiccio rimpatrio di questi clandestini mi sembra l'unica soluzione.
Ieri con Ricky abbiamo parlato dell'argomento e lui mi ha detto che gli USA , terra di immigrazione per antonomasia , a fine ottocento ( quando ci sono state le famose massicce immigrazioni specie dall'Europa come i suoi 4 nonni ) hanno subito stabilito su tutto il territorio le " settlement houses " to assimilate immigrants il cui scopo era il seguente
1 vocational training
2 health care
3 day care
4 education, empowerment and self sufficiency 
5 out of school time programming
6 fostering an inclusive culture where everyone is treated with respect and dignity
7 appreciation for diversity
8 stimulate social, emotional and educational progress 
Tutti questi programmi erano diretti da donne volontarie , a quei tempi le donne non avevano ancora diritto al voto , erano per lo piu' insegnanti , ora questo programma di assimilazione e' portato avanti da Enti pubblici tramite assistenti sociali  etc.
Questa gente deve SUBITO adeguarsi alle nostre regole , altro che la Gran Bretagna che ha anticipato gli esami scolastici , affinche' non interferissero con il Ramadan , in cui i poveri scolari sono barbaramente sottoposti dai familiari al digiuno forzato....fino al tramonto.
Comunque ho ritenuto l'articolo interessante per quanto riguarda la spiegazione della relazione tra  donna, sesso, Islam e maschi psicopatici.
Buona settimana. Li

 ...  E voi amici di blog, che ne pensate?

17 commenti:

  1. Per me c'è stata una sorta di complotto...non inalberarti, però davvero penso che cercassero, i tedeschi, con la Merkel in primis, a voler, dopo averl regalato fumo negli occhi, rispetto anche a chi come noi italiani con Lampedusa, dove mai e ripeto, mai, ci sono stati atti simili, trovare una buona scusa per mettere dei paletti.Alla faccia dell'Italia e della Grecia. detto questo, penso che, nonostante io sia per l'accoglienza, queste persone devono essere educate alla nostra lingua e costituzione, il Ramadan te lo fai a casa tua.Poi per la cronaca i bambini non sono tenuti ad alcun sacrificio.Evidentemente questi ti cui parli, sono fondamentalisti.Chi viene in Europa fa l'europeo.Proprio come fecero con noi migranti in Belgio, Svozzera o in America.
    ciao!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. al complotto non credo.
      a proposito del ramadan, invece, per esperienza personale lavorativa ti assicuro che gli adolescenti lo devono seguire.
      l'estate di due anni fa avevamo questi ragazzi di 14,15 anni che non potevano nè mangiare nè BERE per tutto il giorno, e c'erano più di trenta gradi.
      noi insegnanti sempre col timore che stessero male per disidratazione.
      un giorno eravamo in gita sul lago, e io avevo questa ragazza che faceva il ramadan. al momento del pic nic la allontanai dal gruppo e ce ne andammo a fare delle foto perchè mi faceva troppa pena.
      mentre eravamo sedute sui gradini del lungolago fu perfino abbordata da un tizio con il quale si mise a parlare in arabo, ma questo non c'entra.
      Ciao!

      Elimina
  2. una tipa, di cui non ricordo il nome, ha detto<. io quando vado negli Emirati o in un paese del medio oriente, non giro in minigonna, per rispetto alla loro cultura e perchè sono ospite in casa loro. Penso che il concetto si possa estendere ovunque. anche con le parole usate dal primo ministro australiano. Vieni qui, nessuno ti ha obbligato, ti adegui alla cultura che trovi, non ti sta bene? ciao

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Alla #gabbia#, stasera, hanno mandato un servizio sull'opinione di musulmani intervistati about Colonia mentre escono dalle moschee di Milano.
      Allucinante.

      Elimina
  3. Ciao Silvia, cosa pensare? Francamente ho timore di esternare anche a me stesso i molti stati d'animo contrastanti, che quest'ultima vicenda di Colonia mi ha fatto vivere. Timore perché i sentimenti che provo da qualche tempo in relazione ai Migranti, fanno a cazzotti con tutto quanto provavo in precedenza, e che erano riconducibili ad una sola parola: Accoglienza. Colonia naturalmente è solo uno dei molti fatti, che mi hanno portato a riflettere con quella razionalità che pure è importante mantenere, al di la del fattore emotivo...(e già questo mi causa crisi).
    Razionalità perché comunque le condizioni e le situazioni dei Migranti sono varie, dare a tutte la stessa risposta si sta rivelando un grosso errore. Chiudere gli occhi ai fenomeni di degrado e delinquenza diffusa, è un errore ancora più grosso. Sono in grande difficoltà emozionale, e combattuto sulle possibili risposte da dare, accoglienza si, ma anche l'elementare “richiesta”che chiunque e in qualsiasi veste, venga in Italia rispetti le nostre leggi, (e per favore non la si meni sul fatto che neanche noi le rispettiamo.) Ma quello che più mi manda in crisi, è il fatto che sto rivedendo tante mie certezze, una delle tante che è in fase di cambiamento, riguarda Oriana Fallaci. Non ho particolarmente apprezzato le sue opere, ancor meno quello che pensava dell'Islam, sia nella sostanza ma soprattutto nella forma, ebbene, comincio a dubitare del mio giudizio. Beh mi fermo, grazie dell'ospitalità e della possibilità di aver potuto riflettere ad alta voce.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ciao Monteamaro, da quanto tempo...sono felice di ritrovarti.
      Mi scuso con la padrona di casa per l'ot.

      Elimina
    2. @ monteamaro, da dove spunti?
      ti ringrazio del tuo commento, che rispecchia in pieno il mio pensiero.
      I libri della Fallaci li ho letti tutti tranne gli ultimi.
      Il suo stile mi piaceva molto.
      Au revoir monteamaro, e ora non sparire di nuovo nel nulla!

      Elimina
    3. Scusate la franchezza ma io ad una persona che dice/scrive "fatti, che mi hanno portato a riflettere" posso solo dire "non darti pena, tanto sei un cretino".

      Perché si comincia a riflettere quando i buoi sono scappati, la stalla è bruciata, è venuto un maremoto che ha portato via le rovine della stalla e poi è caduto un meteorite su quanto rimaneva.

      Abbe, adesso cominciamo a riflettere, quando abbiamo milioni e milioni di stranieri piantati nel cuore dell'Europa che non solo ci stanno in mezzo ai piedi e non sappiamo cosa farne ma ci odiano e ci vorrebbero vedere tutti sgozzati.

      Poveri migranti/profughi/rifugiati, che già il fatto che si usino termini completamente diversi come se fossero sinonimi mostra che abbiamo a che fare con dei cretini e/o lestofanti in malafede.

      Aggiungo, leggevo un pezzo sui fratelli di quel fenomeno che ha ammazzato l'americana a Firenze. Vivono in un quattro locali, abiti firmati, profumi, Mercedes. Si vede che i "lavori che gli Italiani non vogliono fare" sono pagati profumatamente. La Polizia si muove quando c'è l'omicidio eclatante, altrimenti nessuno sa, nessuno vede.

      Cominciamo a riflettere, dai...

      Elimina
    4. Uno intelligente come te dovrebbe saper che c'è una sostanziale differenza tra franchezza e maleducazione.
      A meno che tu sia stato educato a insultare chi non la pensa come te.

      Elimina
  4. http://video.corriere.it/roma-autore-knock-out-game-identificato-grazie-un-video/f02ec424-b92a-11e5-85a5-46ffd263e960

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Visto.
      Piccoli delinquenti crescono.
      E non è sempre colpa della società!

      Elimina
  5. A proposito dei fatti di Colonia e delle domande dell'amica, oltre al fatto che esiste un Piano per annientare gli Europei tramite l'immigrazione massiccia dall'Africa e dal Medio Oriente, esiste anche tutto un meccanismo il cui scopo è sgretolare i fondamenti della società tra cui i ruoli di genere.

    Le donne vogliono la "parità di genere", vogliono essere libere di girare la sera tranquille, vogliono la società tollerante e multietnica, vogliono questo, vogliono quello. Ma diverse delle cose che vogliono sono INCOMPATIBILI.

    Se vuoi la parità di genere e poterti arruolare nei navy seal non puoi pretendere di avere un uomo a fianco che ti protegga, gli uomini da sempre devono proteggere se stessi e gli altri, c'è un prezzo da pagare. Se vuoi vedere in giro persone di altre culture, devi vedere in giro anche i corollari di queste culture, che possono essere la capra sgozzata in cortile o le donne trattate come animali da soma, eccetera eccetera.

    Ormai siamo al punto che nessuno si accorge più della incoerenza, dei paradossi, della contraddizione continua.

    RispondiElimina
  6. Forse più che non accorgersi è il far finta di niente il problema.

    RispondiElimina
  7. L'integrazione è stata ed è di fatto un fallimento. Siamo ormai da anni vittime di una dittatura buonista che di fronte a fatti come quelli di Colonia sta per fortuna iniziando a scricchiolare.
    I musulmani causeranno sempre problemi:
    - se intervieni militarmente siamo dei guerrafondai
    - se non interveniamo siamo degli strafottenti
    - se gli facciamo le moschee le usano per cospirare contro di noi
    - se non gliele facciamo siamo razzisti
    - se gli facciamo le scuole, pretendono le scuole islamiche
    - se non gli facciamo le scuole, siamo xenofobi come Salvini
    Non è che siamo noi o loro "sbagliati" - siamo INCOMPATIBILI.
    Le donne pagano sempre il prezzo più alto, è stato sempre così.
    E a furia di sbarchi a frotte di maschi neri frustrati sarà sempre peggio, perchè: i numeri fanno la forza. E quando si parla di Africa, si parla di grandi Numeri.
    Oriana Fallaci, tacciata di razzismo, aveva previsto tutto.

    RispondiElimina
  8. Dici cose sensate, tuttavia non sarei così pessimista. L'integrazione non è stata un fallimento in toto; nella mia esperienza ho a che fare quotidianamente con persone che si sono integrate eccome.
    Il problema sono i numeri. Il troppo stroppia sempre.
    Il secondo problema è che nessun governo sa cosa fare.

    RispondiElimina
  9. Ho dato un'occhiata al tuo blog. Very interesting. Hai uno spirito di adattamento che ti invidio assai. Bye!

    RispondiElimina

Parla! Adesso o mai più!