domenica 29 maggio 2016

la gallina è un animale intelligente?

foto presa da http://blog.giallozafferano.it/dulcisinforno/torta-di-mele-in-tazza/

Io e g. siamo stati invitati a casa della nonna a bere il caffè e mangiare i pasticcini per il compleanno di una delle mie tanti nipoti,  ma di paste ne sono rimaste solo due,  appoggiate con malagrazia in un angolo del vassoio delle pizzette.
Si presentano alla vista con la pessima cera che solitamente assumono gli ultimi pasticcini, evidentemente offesi per non essere stati scelti: una crostatina con la fragola con un buco al posto della fragola  e uno di quei pasticcini al cioccolato con la chiave di sol.
Io e G. arriviamo con la torta alle mele che sto riproponendo da mesi sul desco di casa mia, ogni volta faccio delle variazioni sul tema ma la solfa è sempre quella. Avendo ricevuto l'invito all'ultimo momento porto quella, appena sfornata.
Mio cognato avrà da dire perchè troppo dietetica per i suoi gusti, ma tanto mi ci sono abituata. Di solito mi provoca così: "Oh ... la torta della zia Silvia ... senza zucchero, senza burro ... cosa ci sarà mai dentro?"

Invece oggi il dialogo è stato diverso:

cognato: -ohhh.. la torta di mele ... ha una bella faccia, ma sarà buona?-

io:  -non ne ho idea, speriamo sia meglio dell'ultima che ho fatto-

cognato: - perchè? -

io:  -boh! una torta di kiwi, un esperimento mal riuscito, pensa che non l'hanno mangiata neppure gli uccellini e sono dovuta ricorrere alle galline!

cognato:  - questo ti dà l'idea della differenza di quoziente intellettivo che passa tra un uccello e una gallina-

(E comunque in fin della fiera la cara nipotina con il suo braccio costretto in un gesso color grigio sporco ha tentato di accendere le sue nove o dieci candeline ma  si è scottata col fiammifero, subito gettato sul tavolo col rischio di bruciare la tovaglia della nonna, è stata rimbrottata dalla sua mamma assai poco tollerante, si è quindi fatta aiutare dal suo paziente e santo papà che ha riacceso tutte le nove o dieci candeline con un unico fiammifero (ovazione), ha ricevuto la canzoncina e la foto di rito, la foto è venuta mossa e la nonna voleva fosse rifatta ma mio cognato non voleva ripetere la performance perchè temeva di perdere il primato e così niente foto e abbiamo mangiato la mia torta casareccia dietetica che è stranamente piaciuta a tutti, o almeno credo.)
(Ci fosse stato papà avrebbe detto: "l'è propi buna, mai prua 'na roba insce" )

23 commenti:

  1. Ma la nipotina perché aveva il gesso?
    Secondo me spegnendo le candeline ha espresso il desiderio che la torta fosse buona.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si è infortunata in palestra, gioca a basket.
      Il fatto è che non si è fatta male mentre giocava ma prima della partita, con il coperchio che chiude il contenitore delle palle. Mi immagino la reprimenda di mia sorella: ecco! così impari ad ascoltare l'allenatore, vi dice sempre di non farlo!
      Mia sorella è un caporal maggiore.

      Elimina
  2. ... ma la gallina ...
    ... avrà gradito?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ahahahah ... adesso glielo chiedo.
      comunque sia non mi risulta ci siano state morti sospette nel pollaio del cognato.

      Elimina
  3. certo che la torta alle galline, chissà che uova :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ahahahah Pier! la tua battuta ha un fondo di verità!
      un mio amico mi ha raccontato che una volta aveva dato l'aglio alle galline, -aglio orsino, forse, non ricordo con precisione- e il compratore delle uova, ignaro, gli aveva poi fatto notare il sapore d'aglio delle stesse.
      lui aveva fatto lo gnorri rispondendogli che era il sapore delle uova nostrane.
      conoscendolo -stavo scrivendo: conoscendo il mio pollo, ma considerato il tema c'era il rischio di confusione- me lo immagino aggiungere: e se non ti piacciono le mie uova vai a comprare quelle del supermercato!

      Elimina
  4. Bellissima la ragazza della foto! Molto!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. grazie mille!
      hai visto la didascalia?

      Elimina
  5. Perché fai le torte dietetiche? Ovvero: perché fai le torte sempre dietetiche,
    anche nelle occasioni di festa?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Nel caso specifico, la torta era stata fatta per uso familiare, l'invito è arrivato dopo.
      In genere cucino torte dietetiche -e non solo torte- per vari motivi:
      1. mio marito è diabetico
      2. mio figlio è in sovrappeso
      3. mia figlia ha problemi epatici
      4. mia mamma cucinava così, e io ho imparato così
      5. sono un po' fissata!

      Elimina
    2. Volevo scriverti ieri sera per sapere dell'operazione di tua madre, ma poi sono andata a letto presto. Come sta?

      Elimina
    3. Ostrega, in effetti si capisce che dovete stare attenti.
      Che tristezza! La salute può richiedere sacrifici e rinunce.

      > sono un po' fissata!
      Un po' ortoressica.

      Mamma sta meglio. Scriverò.

      Elimina
    4. Ortoressica è la mia amica Anna, che già non mangiava carne da anni.
      Ora si è messa in mente di non mangiare nemmeno più il latte e i suoi derivati.

      Elimina
  6. non riesco a trovare il link ma immagino mi rimandi alla canzone di cochi e renato ...
    la Mastracola, in un suo libro, sostiene invece che le galline siano intelligenti.
    secondo me c'è una questione più importante del Q.I, quella di come vengono allevati gli animali.
    domenica a report hanno trasmesso un video sulle condizione terribili in cui vengono allevati i maiali dell'amadori.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mangio carne con moderazione (anche se ne sono ghiotto) e la acquisto da piccoli produttori bio di collina e montagna (ora ho trovato un altro ragazzo di Campi Aperti che lavora in montagna modenese (da questa parte) che tira su i maiali allo stato semibrado, comprerò da lui anche quello, oltre che il vitellone,

      Elimina
  7. Bravo, è così che si fa.
    Lo faccio anch'io.
    Un applauso ai consumatori responsabili!

    RispondiElimina
  8. Seppur io sia in sovrappeso, e seppur ami anche i gusti "abbondanti"...i dolci mi piacciono semplici e gestibili.
    Un dolce molto spesso viene mangiato a fine pasto, e quel cazzottone nello stomaco a volte mi guasta tutto quello che l'aveva preceduto.
    Invece, con un dolce più..."leggero", le cose cambiano.
    Intanto con una torta alle mele...si devono sentire le mele, e se le mele sono buone la torta sarà certamente buona.
    Poi anche il burro (o l'olio), se eccede, conferisce magari maggior gusto e/o consistenza, ma a me impasta la bocca e mi preclude il ricordo delle suddette mele.
    La torta di mele è la mia preferita tra le torte di frutta, e son certo che tu abbia fatto una bella figura (perlomeno l'avresti fatta con il sottoscritto).
    E poi, le galline...spiega allo Zio che sono Uccelli pure quelli, e che c'hanno pure maggior massa celebrale dei passerotti che non hanno gradito la torta di kiwi: a lui le dovute conclusioni.
    Ciao
    A.A.

    RispondiElimina
  9. Ultimamente faccio quasi solo torte di mele, piacciono a me e al moroso di mia figlia. Niente burro e poco olio.
    Riguardo l'altra questione, se non sbaglio gli uccelli più intelligenti sono i corvi ... mi pare lo dicesse konrad ... questione interessante, che vado subito ad approfondire.
    P.s. ... come puo' un contadino essere in sovrappeso??

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Può esserlo se lo è per costituzione, da tutta una vita.
      Ma fidati se ti dico che la maggior parte degli Agricoltori che io conosco o sono particolarmente robusti o sono in sovrappeso.
      Sarà questa Vita all'aria aperta che ci nutre sin troppo bene...chissà
      Ciao
      A.A.

      Elimina
  10. Mmm.. forse mi sono fatta fuorviare dall' aggettivo #anacronistico#, che mi rimandava all' immagine di mio nonno.
    (Costituzione da Johnny Stecchino).
    In effetti oggigiorno i contadini che stanno tutto il giorno seduti sul trattore non fanno una vita molto differente da un taxista o un camionista ... o no?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. No...non generalizzerei.
      Oggi come oggi la vita dell'uomo in generale è diametralmente opposta a quella di un secolo fa: non si tratta delle ore passate seduti su di un trattore (anche se influiscono pure quelle), ma di cosa e come l'uomo mangi, delle medicine che usi per curarsi, e per molti anche dello stress.
      Io sul trattore trascorro una minima parte del mio lavorare, e quindi non posso certo imputare a ciò il mio peso.
      Piuttosto lo imputo ad un fatto di costituzione, assai slegata dal tipo di lavoro che io conduco.
      Magari anche per altri vale la medesima regola.
      Ciao
      A.A.

      Elimina
  11. Boh! Mio figlio ha preso la costituzione paterna, quindi piuttosto imponente, ma quella volta che si è messo a dieta avrebbe potuto sfilare sulle passerelle.
    Mi viene in mente un grande neurochirurgo che conobbi vent'anni fa, quando mio marito avrebbe dovuto operarsi di ernia, diceva che nei campi di concentramento non se ne vedevano di grassi.
    Ciao!

    RispondiElimina

Parla! Adesso o mai più!