giovedì 25 ottobre 2012

brughiera o non brughiera, a me piace


Mi si presenta puntuale ogni mattina, dopo il rettilineo del cimitero, dopo il muro con scritto ti amo piccola, all' inizio di una serie di curve pericolose.

Un quadretto affascinante che pare uscito dalle pennellate di un pittore inglese dell'ottocento:  una cascina sulla sinistra, un ippocastano sulla destra, un campo davanti e un boschetto dietro, basse colline sullo sfondo. 
Non so se si potrebbe definire "paesaggio di brughiera", dato che mancano sia l'erica sia il vento che la sferza, ma, visto che non trovo un altro termine  per definire   questo angolo idilliaco, decido che questa è la mia personale, quotidiana, improbabile brughiera. Se fosse sempre così bella come stamattina, rischierebbe  ogni volta di incantarmi e farmi fare la curva in contromano.
Peccato poterla gustare solo per un attimo di fuggevole passaggio, l'attimo fuggente del finestrino.
Stamattina mi sorprende: le è scivolata addosso, indolente e noncurante,  una impalpabile sciarpa di seta che tuttavia la valorizza, accentuandone  l'aurea di mistero: una striscia di nebbia  che divide  in due parti perfettamente parallele l'enorme ippocastano, la cascina in rovina, il campo in letargo, il bosco indiavolato e  perfino la luce che illumina il tutto.
Dal bosco maledetto potrebbe sbucare fuori il fratello delle sorelle Brontë, con un cavalletto da pittura sotto braccio;   dal comignolo della cascina, dove il reverendo padre sta scrivendo un'omelia potrebbe uscire un filo di fumo; potrebbero, le tre sorelle Brontë, uscire dalla canonica per una lunga passeggiata, o per giocare a nascondino ...
ma non avrei il tempo di vedere nessuna delle tre apparizioni, essendo nel frattempo già giunta al termine delle curve pericolose.
Se penso che in quel prato volevano costruirci un salumificio, mi faccio il segno della croce e ringrazio la madonna della cappelletta che vigila l'incrocio.

20 commenti:

  1. È davvero meravigliosa! E anche la foto è molto bella, complimenti!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie dei complimenti, peraltro immeritati, perchè le foto le ho fatte a muzzo: al momento di uscire mi sono accorta che la mia fotocamera aveva la batteria scarica, così ho preso la prima macchina che ho trovato in giro, che presumo sia quella vecchia di mio marito, che mai ho usato in vita mia ... poi avevo gli occhiali da sole e non vedevo una cippa ... in pratica inquadravo de visu e scattavo de facto!
      A presto allora :)

      Elimina
  2. Anche da me, in questo periodo, al mattino, trovo suggestioni di questo genere.
    Qualcuno si deprime anche solo a pensarci (soprattutto se vive in città). Io, invece, mi lascio incantare e trovo la "brughiera" uno dei paesaggi più intensi della nostra Italia.

    RispondiElimina
    Risposte

    1. Forse perchè è natura allo stato brado, poco civilizzato e poco antropizzato ... e forse anche perchè ci ricorda i romanzi inglesi dell'ottocento.

      Deprimente è un casermone di periferia, non la nebbia, altrimenti Carducci non l'avrebbe messa in una poesia :)

      Elimina
  3. un salumificio ... a volte penso che a certi italiani la bellezza del paesaggio dia fastidio, perchè certe scelte non si spiegherebbero diversamente.
    la brughiera manca ai mìpanorami marini a cui sono sottoposto :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Gli è che alla bellezza visiva del paesaggio si preferisce il profumo olfattivo dei soldi ... e qui in Lombardia purtroppo il territorio è stato svenduto, e non sempre a imprenditori onesti ...
      Hai mai sentito parlare della mafia del mattone?

      Elimina
  4. I soggetti bucolici sono certamente più consoni alla tua natura e ne escono, da sempre, pezzi migliori di certe pseudo dissertazioni sulla priorità (quale?) di un dialetto su un altro. Meglio rimanere sulla brughiera brianzola che infilarsi in un vicolo puzzolente della vecchia Roma.
    Salumificio? A Garbagnola Monastero ce n'è uno che spedisce salumi eccellenti anche qui in Germania, la cui bontà rallegra lo spirito non soltanto lo stomaco, Salumificio Brianteo S.p.A., certo molto meglio delle palate di fango che ti tirano addosso certi figuri.

    PS: Leggo che c'è chi si sente afflitto (sottoposto, alla lettera) da mini panorami marini e rabbrividisco. Non c'è possibilità di paragone tra una meravigliosa nebbia mattutina in brughiera e un'alba marina. Fuori concorso un tramonto sul mare.
    Sed de gustibus non est disputandum, cuique suum.
    Io mi tengo i miei.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non esistono concorsi di bellezza, in natura.
      Anche vedere in presa diretta una libellula che fa la muta uscendo elegantemente dal suo esoscheletro, nuda come un verme, a testa in giù, è uno spettacolo grandioso.
      Ne ho una foto, non vedo l'ora di postarla.

      Però io non ho fatto ALCUNA dissertazione filosofica o filologica nel post precedente, il casino che ne è conseguito è stata opera tua e non ricominciamo por favor :))

      Elimina
    2. Dimenticavo: ha detto G. che se ti piace il salame te ne spedisce uno in cruccolandia quando il nostro amico A. ammazza il maiale.

      Elimina
    3. Aò e io mica ho detto che era colpa tua?:))
      nemmeno tutta mia, ma tu non c'entri affatto, por favor:))
      E poi ti ho chiesto pubblicamente scusa del disagio.

      Ringrassia G. da parte mia, a me piace il salame buono e quello brianzolo lo è di sicuro. Ho già messo il tovagliolo intorno al collo, sto seduto davanti al tavolo impugnando forchetta e coltello. Grassie del pensier!!:DDD

      Elimina
  5. la "Nostra" Terra è meravigliosa,con o senza nebbia...
    Per vincenzo: è Garbagnate Monastero sempre se non sbaglio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non ti sbagli: Garbagnate Monastero, il fatto è che l'ho preso da una vecchia etichetta, c'era un timbro sopra e io non avevo gli occhiali.
      Sob, sob, sob:)

      Elimina
  6. Nella nostra terra ci sono più salumifici che oasi protette, cafè cafè!
    E sulla strada che va da Dolzago a Garbagnate Monastero -zona industriale c'è tanta di quella spazzatura anarchica che se ne becco qualcuno in opera gli svuoto il sacchetto in testa!

    RispondiElimina
  7. In effetti sembra un dipinto di friedrich,pieno di fascino e mistero. Portarsi dietro una fotocamera è una buona abitudine, ti consente di congelare emozioni istantanee (e t'è venuta pure bene la foto). Ciao Silvia

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se poi impari a usarla, cosa che io non so assolutamente fare, tanto meglio!
      Non so chi sia quel pittore, andrò a curiosare ...
      ciao rò

      Elimina
  8. Ciao Silvia!
    Piace anche a me la nebbia,camminarci dentro nelle sere silenziose quando la citta'è quasi vuota,ascoltarne l'odore oppure ammirarla di mattino che copre il prato davanti casa mia,bellissima la foto che hai postato
    Claudia

    RispondiElimina
  9. Grazie
    alfa
    beta
    c...laudia
    io invece a volte uso la nebbia per scopi illeciti, ma non ti svelerò quali :))

    RispondiElimina
  10. ahahahhaha
    lasciamoli segreti allora!

    RispondiElimina

Parla! Adesso o mai più!