martedì 26 febbraio 2013

Boccoli d’argento



In una terra baciata dal sole  abitava un  popolo che non aveva di che sfamarsi;

arrivò un tempo in cui non sapendo  più a che santo votarsi il popolo allo stremo  si votò  a un pifferaio urlante, chiamato anche Boccoli d’argento per via di una chioma fluente, che  a dirla tutta gli dava un' aria da inventore pazzo, ma avete mai visto un morto di  fame chiedere il certificato medico al piatto?


Boccoli d’argento non era affatto povero, ma si annoiava un po’ nella sua vita da ricco, così promise al popolo affamato  pane e vino per tutti, scelse degli adepti che chiamò Hansel e Gretel e rispolverando Mosè disse loro che li avrebbe condotti alla terra promessa, dove avrebbero trovato una casetta di marzapane, piena di ogni ben di dio.
Sia Boccoli d’argento sia i prescelti non sapevano bene cosa fare una volta entrati  nella casetta, ma erano certi di volerlo fare, anche solo per prendersi la soddisfazione di sbattere fuori  la vecchia strega e l’orco cattivo, che l’abitavano da cento anni, accumulando ricchezze a scapito dei viandanti che si perdevano nel bosco venendo poi rapiti, rapinati e infine mangiati con contorno d’erbe di sottobosco.
 Il giorno stabilito per l’assalto nevicava e il bosco non era mai sembrato così invitante. Di notte si fece sereno, la luna splendeva chiara e i ciottoli bianchi che conducevano alla meta  rilucevano come monete nuove di zecca.
Giunti nei pressi della casetta, espugnarla fu un gioco da ragazzi, perché i vecchi erano a letto a smaltire la quotidiana sbornia serale.
Quindi Boccoli d’argento disse: ""Adesso tocca a voi, ragazzi buona fortuna”, e se ne tornò a casa, promettendo che si sarebbero sentiti via skype.
Come continuerà la storia?
Hansel e Gretel sapranno infornare la strega, farla in barba all’orco e quindi tornare alla misera casa paterna restituendo al popolo affamato il maltolto, o si faranno allettare dal panpepato e dal marzapane, saranno sopraffatti dal richiamo della sirene del potere, stringeranno patti con la strega e uccideranno l’orco ma solo per prenderne il posto?

33 commenti:

  1. Rischio il linciaggio, ma faccio un commento.
    Avevo immaginato il post dalla lettura della tua risposta all'ultimo commento di Jonny Walker.
    Carina la storiellina. Ma la verità è amara.
    La gran parte dei giovani esploratori, tra cui dovrebbero essere anche Qui, Quo e Qua, (ma quali sono?) provengono dalla schiere dei NO TAV, e altre frange strane, dall'origine poco chiara, figli di ignoti insomma. Non si sa come possano collocarsi in quella casetta di marzapane, ma certo adesso dopo tanto camminare avranno fame e sete, e saranno stanchi.
    Qualcuno pronto a porgere un bicchiere di buon vino e un pollastro arrosto lo trovano di sicuro.
    Quello che mi stupisce, ma non più di tanto, è che il grande pifferaio Boccoli d'argento, li abbia condotti fin lì, li spinga ad entrare e se ne scappi a casa.
    Un gran bel condottiero, non c'è che dire.
    Che abbia appreso la lezione del Professor Monti? Che aspetti di essere chiamato lui questa volta come il salvatore della patria?
    E come la salverebbe? Strillando bestemmie e cazzate in un megafono. Caro il mio pifferaio, non hai le palle, perché avresti dovuto rimanere anche tu, ma te ne sei guardato bene, così tu possa sempre poter dire che non ti hanno seguito abbastanza da capire la TUA lezione.
    Furbo il pifferaio, furbissimo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Finora non ho mai linciato nessuno ...
      a dir la verità non ho capito nemmeno io il motivo per cui Boccolone non si sia candidato.
      Forse per lo stesso motivo per cui in campagna elettorale non accettava interviste nè contradditori.
      Forse per non sporcarsi la criniera.
      Forse per ottemperare al detto: armiamoci e partite!
      Il suo posto è su un palco, non a un tavolo di lavoro.

      Elimina
    2. Forse perché è tanto tanto facile distruggere, basta una mazza o un megafono e urlarci dentro cazzate; ma costruire o collaborare alla costruzione è un altro paio di maniche. Oggi il grande Boccolaio ha detto che Bersani è un uomo morto e che lui non lo aiuterà.
      Gioca al rialzo, secondo me.
      Gioca da furbo, da qualunquista, e da sfruttatore.
      Hai sentito il modello siciliano? Entrano nell'aula consigliare tutti insieme chiacchierando tra loro, e riescono tutti insieme chiacchierando tra loro, proprio come i Testimoni di Geova.
      Madre mia, che tristezza, Silvia.

      Elimina
    3. cosa vuol dire "non aiutare bersani"?
      che fa, ha sempre detto di non essere un politico e a un giorno dal voto comincia a parlare in politichese?
      è l'italia che ha bisogno di essere aiutata, non il buon vecchio bersani!

      Elimina
    4. Ho riferito le parole dette da Grillo, non le mie. Ma tu ci avevi creduto che lui voleva solo mandare tutti a casa? Per mettercisi lui forse.
      Comunque il buon vecchio Bersani ieri ha lasciato capire in modo chiaro che si aspetta una convergenza di Grillo e dei Grillini, un appoggio nei voti di fiducia, se non altro.
      Se Bersa dichiara, come è logico, che non vuole fare un governo col Berlu, altrimenti si taglia le palle e tutto resterebbe come prima, non può fare niente con Monti perché non ha i numeri, non gli resta che Grillo, sennò si rivota. Ma aai che casino!
      Comunque un governo di minoranza in senato è un governo di pezza, soggetto a mille ricatti. Quando si presenterà a camere riunite per la fiducia se i grullini non gliela danno è sfiduciato e allora?
      Sentito che già si parla di un governo tecnico-politico di Amato con larghe intese?
      Finiremo come la Grecia, che dopo il secondo voto in un mese ha un governo di minoranza dove comandano quattro gatti che vendono i voti.
      Bello sto casino.
      Questo sta cercando di ottenere Grillo. Sa che forse perderà 100.000 voti, di quelli dei scontenti della sinistra, che vorrebbero che si mettesse d'accordo per fare un governo col Bersa, ma guadagnerà un altro 10% dalle altre parti e allora avrà la maggioranza alla Camera, dove è già il primo partito, e al Senato. Così governa lui e fa il porco comodo suo.

      Elimina
    5. Ieri sera sono andata sul blog di grillo, era pieno di commentatori che invitavano i marziani all'alleanza con bersani.
      Non vedo alternativa, di punti in comune ne trovano quanti ne vogliono, basta metterci di buzzo buono,
      a cominciare dal concedere l'autorizzazione a procedere ai vari indagati d'oro.

      Elimina
    6. Ma poi voi vi fiderete a prescindere della lealtà di Grillo e dei suoi? Tra i punti non in comune c'è la TAV, che vogliono abolire, c'è una proposta di referendum sull'Euro, cioè sull'EU. Come la mettiamo?

      Elimina
  2. Io credo che la tua sia una lettura persino ottimistica, molto ma molto ottimistica. Io la penso diversamente. Boccoli d'argento, il guru di scientology, il pifferaio magico, chi possiede il simbolo con le cinque stelle e lo concede in comodato d'uso agli eletti (una roba nazista, ma cosi' e') non se ne andranno. Non scenderanno a patti con nessuno. Aspetteranno la nuova grande coalizione che non riuscira' a governare e alle prossime elezioni prenderanno il 55%. il passo successivo e' la dittatura. Questi sono fascisti mia cara, fascisti.

    Francesco non loggato

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Oggi non ho visto/sentito niente,
      ma voglio sperare che non sia così, e che questi marziani trovino dei punti in comune con la sinistra, perchè iniziare la legislatura con una crisi di governo sarebbe da irresponsabili!

      Elimina
  3. Di Hansel e Gretel ne è piena la storia umana, dalla Bastiglia a Masaniello passando dai Gulag Siberiani. Dalla Lunga Marcia sino ai campi del Laos, agli uomini in divisa di Grecia e Argentina, e a quelli in doppiopetto e cravatte blù a pois, che amano L'Italia. Ma è il Sogno che conta, tolto quello rimane l'anestetico, fin troppo presente in ogni ambito della nostra Società. Ne ho viste abbastanza, ma di tanto in tanto mi tornano in mente i grandi cortei dei miei 18 anni a Milano, anche quello è stato un sogno, ma sono felice di averlo vissuto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. parli dell'autunno caldo del 1969?
      forse eri uno studente e sfilavi insieme agli operai della pirelli, della falk, della breda ...
      mio padre mi ha raccontato tanto di quei cortei, qualche volta copierò uno stralcio dei suoi ricordi su un post.
      una volta portò anche me e mia sorella, piccole e ignare di tutto.
      non ricordo niente, solo una gran confusione e la sua mano stretta nella mia, in quel suo modo particolare che aveva di tenerti per mano.

      Elimina
  4. C'era una volta, in un paese baciato dal sole, un gruppo di voraci magnoni che avevano deciso d'insediarsi, come dei virus parassiti, in tutti i posti di potere di quel bellissimo paese. Per moltissimi anni, decenni e decenni, avevano fatto il bello e cattivo tempo prendendo per i fondelli tutti gli abitanti, riscrivendo i libri di storia, favorendo i loro amici, creando ogni volta governi dove tutti loro potessero trarne vantaggi personali, premiando chi li votava - anche se non aveva alcun merito - e costringendo chi, invece, il merito lo aveva ad emigrare per cercare fortuna altrove. Per moltissimi anni questi magnoni, che erano quasi sempre gli stessi, si erano ingrassati a scapito dei poveri abitanti del paese baciato dal sole che, per poterli mantenere, erano costretti a pagare gabelle sempre più pesanti e ingiuste. E i magnoni continuavano sempre di più a spremere i loro sudditi, a favorire i loro amici, a rubare a piene mani, a raccontare balle sempre più grosse, annullando i sogni e le speranze di tutti gli abitanti di quel paese così bello. Ma, un bel giorno, arrivò Boccoli d'argento che riuscì a dare di nuovo un sogno, una speranza agli abitanti del paese baciato dal sole. E così, appena fu possibile, Boccoli d'argento prese a calci in culo tutti quei magnoni che furono costretti ad abbandonare le poltrone sulle quali erano stati seduti per decenni e donò al paese baciato dal sole un nuovo orizzonte ed una nuova alba. Andrea

    RispondiElimina
  5. Andrea, non mi fido un cazzo. e allora vigilo, vigilo e ancora vigilo

    http://stanzedivitaquotidiana.blogspot.it/2013/02/cinque62-ronde-di-vigilanza-sui.html

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Fidarsi è bene, non fidarsi è meglio
      ma che cavolo di link hai messo?
      fatti insegnare da maestro walker, lui è uno specialista del link postato a regola d'arte.

      Elimina
  6. La situazione è piuttosto strana. Una fiaba fosca.
    Bisogna ancora capire, perché gli scenari sono limitati ma sono più di uno.
    Intanto, in mezzo al caos, c'è qualcosa di buono, diciamo.
    Ora bisogna vedere il resto.

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. "fosco" mi sembra un aggettivo quanto mai azzeccato.
      fosco e losco,
      e noi come pollicino nel bosco.

      Elimina
    2. Mi ci rico-nosco, e facciamo l'ennesima rima :)

      Moz-

      Elimina
  7. Uh, quanto livore...
    E' un buon segno.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi par di capire che hai votato i marziani ...
      Spera che faccian qualcosa di buono, perchè sennò sai quanto te la meniano!

      Elimina
    2. Sì, ho votato i M5S che, peraltro, localmente, si stanno muovendo molto bene.
      Silvia, non sono essi che devono fare, capisci?
      Essi devono portare in parlamento ciò che NOI proponiamo, le nostre idee, le nostre respons-abilità.
      Siamo noi che dobbiamo fare politica giorno per giorno con il ns comportamento e il ns esempio.
      Non è mai esistito alcun salvatore, men che meno lo saranno i pentastellati.

      Elimina
    3. al parlamento però adesso non ci siamo nè io nè tu ma ci sono loro, o essi come dici tu, e le decisioni le devono prendere, in qualche modo, oppure obbedire al guru, in un solo modo.
      Hanno voluto fare l'arrembaggio e adesso devono stare alla plancia di comando.
      "Salite a bordo e governate, caxxo!" direbbe loro il famoso comandante che cazziò Schettino.
      E per governare occorre collaborare, non insultare.
      Non vedo alternativa alla collaborazione con la sinistra.

      Elimina
    4. In materia sono ignorante e non ho mai seguito alcun corso di sociologia o qualche scuola politica.
      Quindi ho delle intuizioni su alcune cose che dovrebbero essere di centro, di destra o di sinistra.
      Per quello che ho capito io il PD è un partito con un programma di centro, qualche traccia di sinistra, ma da tempo è diventato un partito di alcune forze economiche e ideologiche liberiste, industrialiste e capitaliste, quindi diciamo di destra. Poi si sarebbe la dimensione ecologica che fotte solo al zerovirgola percento ma su questo a parte qualcosa in SEL e Ingroia e in minoranze dei radicali, non c'è alcuna traccia in nessuno dei partiti.
      Per assurdo ci sono posizioni leghiste o berlusconiane che sono più populiste di quelle del PD. Ma scelte gradite al popolo (questa parola a me desta sempre grandi inquietudini) sonio di sinistra?
      MI sembra un partito di centro, non di sinistra, ecco.
      Ma consideri che da una parte io sono in gran parte ignoranti sulle classificazioni posizionatorie dei partiti e dall'altra a domande su cosa sia destra e sinistra, ad esempio un decalogo a livello di cultura di media inferiore, o non ho avuto risposte o sono state contraddittorie, per alcuni certe cose erano di destra per altre esse erano di sinistra.
      Ci sono gli insulti e poi le scelte scellerate di malgoverno, atti concreti di responsabilità dei moderati che sono di una violenza spropositata in cui si militarizza addirittura un territorio, si fanno leggi di sicurezza nazionale, si è complici di disastri terribili, di epidemie, di stermini, si mantiene il segreto di stato su stragi. Gli esempi di malgoverno violento sono straordinariamente abbondanti in questi governi di moderati_a_parole dal dopoguerra in poi.
      Poi ci sono anche gli insulti.
      Un mio amico anarchico citava un detto dei nativi americani: "la violenza delle parole inespressa si accumula in violenza negli atti".

      Elimina
    5. che ci frega in questo momento di cosa sia di destra e di cosa sia di sinistra?
      il ***** stesso dice che sono concetti superati.
      oggi ho visto per la prima volta la faccia del fantomatico Casaleggio: che spavento! una via di mezzo tra dario argento e un personaggio della saga di harry potter.
      "La mente digitale dietro l'ascesa vertiginosa del m5s", come lo definisce il quotidiano inglese, dice che il suo obiettivo a lungo termine è quello di portare il movimento al potere da solo.
      Fino ad allora, non farà accordi con qualsiasi altro gruppo politico. Casaleggio "spera" un giorno di vedere i grillini al potere: "se saremo coerenti" e attaccati ai principi "cresceremo certamente".
      E prevede: "quello che sta accadendo in italia è solo l'inizio di un cambiamento molto più radicale. E' un cambiamento che sta andando a toccare tutte le democrazie".
      Ma allora ha ragione Francesco, questi sò fascisti!

      Elimina
    6. In pratica quello che sostengo io senza essere un genio politico, anzi un nano sono, ma dotato di intelligenza per pensare.

      Elimina
    7. > collaborazione con la sinistra.
      [...]
      > che ci frega in questo momento di cosa sia di destra e di cosa sia di sinistra?

      Infatti è quello che io cerco di capire: collaborare con la sinistra. Quale? Cosa significa?
      Come potremmo spiegare ad un bambino cosa sia destra centro o sinistra?
      Sono fascisti?
      Ma i fascisti come si comportavano? quali sono i punti politici e di azioni comuni tra il partito fascista e i pentastellati?
      La mia convinzione è che molte persone siamo visceralmente legate ad una parrocchia, ad un partito, in una fede a priori. Se vince quel rione tutto bene, se perde tutto male.
      In un articolo su Il Manifesto, si parlava della crisi del razionalismo scientifico: non ci sono più programmi o idee politiche (di destra, di centro o di sinistra) ma il "siamo noi e siamo diversi da loro, noi siamo migliori". E' la crisi ideologica il tracollo della trasformazione PCI - LaCosa - PDS - PD.
      Così l'apparizione di un terzo grosso incomodo nel dualismo PD(L) solleva disorientamento, ostilità, reazioni piccate. Scompaginano un modus vivendi politico, sollevano questioni che non hanno risposte nei vecchi schemi di pensiero "è sufficiente che non siamo loro".
      Si passa da B. che li considera esponenti insurrezionalisti di estrema sinistra da centri sociali No Tav alle accuse di fascismo.
      E' interessante questo. E, aggiungo io, positivo.

      Elimina
  8. Vedo anche io tanto livore
    e che si cerca di far passare la convinzione che "sono tutti uguali"
    no, non siamo tutti uguali,
    è una porcata messa in giro dal qualunquismo di boccoli d'argento,
    fa comodo a lui ma è una balla.
    Anche io c'ero e vorrei esserci ancora ai grandi cortei dei miei 18 anni
    ma è stata distrutta la mente dei giovani e ricostruire una unità
    e dare una istruzione sarà difficile elungo
    e boccoli non ci prova nemmeno, per lui più la gente è ignoranye
    e più è facile farle credere che sono tutti uguali.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. credo che nella gente che l'ha votato ci sia un marasma che non finisce più, dalle persone in buona fede a quelle ignoranti che si sono bevuti il berlu, il bossi e ora provano a cambiare etichetta.
      anche a me non piace il ritornello del "sono tutti uguali", perchè non è vero.
      Ad esempio Bersani di uguale a Berlusconi ha solo la B.

      Elimina
  9. tra tutti direi: bRoccoli d'argento

    RispondiElimina
  10. Possiamo anche diminuire, e diventa BROCCO. aggiungere una lettera e diventa SBROCCATO.

    RispondiElimina
  11. :)

    Grazie mille per il commento, CIAO!!!

    RispondiElimina
  12. Veramente, se uno sta in Parlamento qualcosa deve fare, non può stare fermo ad aspettare anche perchè l'intento di Boccoli d'argento è quello già detto di far continuare lo stallo fino a pigliarsi la maggioranza assoluta, a spregio dei costi di ulteriori elezioni ma, soprattutto, a spregio degli italiani.

    Gli eletti sono bravi e son contento...ma devono essere loro a pensare, fino ad ora mi sembra che si finga portavoce ma delle sue spinte...

    E comunque "avete mai visto un morto di fame chiedere il certificato medico al piatto? " è una frase che vale un blog intero!

    RispondiElimina
  13. come dicevo poco sopra a walker:
    adesso salite a bordo e governate, caxxo!
    vediamo un po' cosa esce dal conclave.
    ieri hai visto grillo in tenuta uomo ragno, in quel di marina di bibbona?
    secondo me era un controfigura, lui è più grasso.

    non lo so se gli eletti sono bravi, baol. sono giovani e ci sono tante donne, ma ciò non basta. ho letto che alcuni non sapevano nemmeno quanti fossero i senatori, cose così.
    ho letto poi il curriculum della giovane Grandi -mi pare si chiami così-:
    è un'ambientalista, e ciò non può che farmi piacere.

    Grazie per l'apprezzamento finale, ci voleva, giusto oggi mi è giunta una mail minatoria con oggetto: ma quando la smetti di scrivere??

    RispondiElimina

Parla! Adesso o mai più!