sabato 9 febbraio 2013

So' soddisfazioni!

La mia automobile ha quattro angoli, ma di occhi il Buon Dio me ne ha dati solo due, perciò qualche particolare mi scappa sempre, specie quando posteggio in retro.
I più infidi sono i panettoni gialli, che se non hai i sensori ti si rivelano al suono di toc invece che di bip ... ma anche  certi pali anoressici, lunghi lunghi stretti stretti possiedono la loro brava dose di invisibile perfidia.
Appena dopo la parolaccia, che in queste occasioni parte in automatico, mi viene  in mente che quel lato dell'auto è già stato pesantemente violato  da un anonimo bocciatore, lo scorso anno.
 (O così almeno me la fecero  bere i miei figli, che in alcune occasioni stringono patti di perfetto accordo fraterno)
Scendere dalla macchina e verificare che ho azzeccato il punto giusto di bocciatura  mi strappa un  sorriso di auto-compiacimento e aumenta la mia autostima.
So' soddisfazioni, ragazzi!
E' piovuto sul bagnato, certo, ma sarebbe stato peggio se fosse piovuto sull'asciutto. Questo tanto per confermare che non tutti i proverbi riescono col buco nella ciambella.

33 commenti:

  1. Risposte
    1. Grazie, no grazie!
      il tuo logo mi piace un sacco, mi ricorda le battaglie della mia gioventù, negli anni 80.

      Elimina
  2. Certo che beccare proprio in pieno il bagnato, e solo il bagnato, è da autisti provetti.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Basta prendere bene le misure, Albè, ed è un gioco da ragazzi!

      Elimina
  3. Risposte
    1. Slecca? Che slang è?
      Ma no, quella è roba vecchia, già bagnata!
      Sennò indò sta la soddisfazione, Fra?

      Elimina
  4. Forse non sai che panettoni gialli e paletti vari spesso saltano fuori all'improvviso da buchi spazio-temporali dovuti a scompensi cosmici, se cinque minuti prima chiunque avrebbe affermato che quel coso non c'era, dopo la botta son tutti lì a dirti che c'era già un secolo fa e non si spiegano come tu abbia fatto a non vederlo. Di positivo c'è che ogni volta che ne urti uno la tua coscienza assurge ad un livello più alto di consapevolezza.

    P.S.: i carrozzieri queste cose le sanno, ma col cavolo che le dicono in giro.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ah ah ah ah Angelì mi fai spanciare.
      In effetti dopo la prima istintiva parolaccia il secondo atto istintivo è controllare la presenza di eventuali spettatori, che qualsiasi cosa facciano sbagliano sempre, perchè tanto le palle ce le hai già girate di tuo.

      ogni volta che ne urti uno la tua coscienza assurge ad un livello più alto di consapevolezza :)))
      caspita questo punto di vista non l'avevo mai considerato, devo pensarci su!

      Elimina
    2. Comunque, quando vai dal carrozziere, tu da' la colpa ai buchi spazio-temporali, vedrai che sarà comprensivo: in base ai bozzi che ha la tua macchina capirà a che livello di consapevolezza sei giunta e non farà troppo il furbo quando ti presenterà il conto.

      Elimina
    3. Non ho mai portato la yaris dal carrozziere, l'ho comprata già bozzata e non ne valeva la pena.
      Una volta uno mi è venuto addosso, non voleva andare per assicurazione e così sono riuscita a farmi scucire 300 euro, che invece di spendere in carrozzeria ho usato per una riparazione meccanica più indispensabile.
      E comunque è l'auto migliore che abbia mai posseduto.
      L'ho comprata di seconda mano, è sopravvissuta alle guide di due principianti, i miei figli la trattano assai rudemente, non le ho speso quasi niente a livello di riparazioni.
      Dopo la botta di sabato io e mia figlia abbiamo decretato che andare in giro con una macchina come quella è una cosa assai rassicurante.

      Elimina
  5. Ammazza che briscola :)

    Vabbè dai, poco male... potevi anche tu dire una bugia come i tuoi figli XD

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Briscola?
      Sleppa, briscola ...
      mi sto facendo una cultura sulle varianti del termine "botta"!

      Bugie?
      Non posso dirne: mi si allunga il naso, gli occhi mi strabuzzano e la lingua mi esce dalla bocca.
      L'hanno decretato delle bizzarre e inconcludenti fatine alla mia nascita, davanti alla mia culla di vimini, nei cui merletti s'intravedeva, piccolo ma colorito, un visino d'angelo ....
      va beh la smetto!

      Elimina
    2. Ahahaha...!
      Cazzarola, non saper mentire è un pregio ma a volte può essere una condanna XD

      Te ne dico un'altra: crogna. Che significa ugualmente botta :)

      Moz-

      Elimina
    3. Crogna? Che parola poco elegante!
      Richiama qualcosa di brutto, tipo ... una carogna di crosta, epperò non l'avevo mai sentita!
      Conosco "cragnoso", che vuol dire sporco, brutto e cattivo ... almeno credo!

      Elimina
    4. Non so da dove derivi... ma in effetti è poco elegante!
      meglio "testone" :)
      Che però sta più per "pugno", una botta in quel senso^^

      Moz-

      Elimina
  6. Però........niente male!!! Sei troppo forte
    Emi

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Niente male nel senso di nessun danno, Emi, è questo il bello.
      Però la mia autostima subisce un abbassamento di livello quando entro nel tuo blog ... che incanto quei pizzi ... vorrei avere le tue mani d'oro al posto delle mie di pastafrolla! Sei un'artista!

      Elimina
  7. E' nel commento delle disgrazie che si riconosce la genialità,
    far ridere con faccende allegre son capaci tutti

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Giusto, nucci,
      ottima osservazione,
      anche se l'uso del sostantivo "genialità" mi pare un po' eccessivo!

      Elimina
  8. Mio fratello ha una carrozzeria.
    Se ti serve...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cavoli, lo terrò presente per un mio eventuale viaggio in Abruzzo.
      Lo stavo programmando per le scorse vacanze di natale, poi ho dirottato verso la Toscana.
      Non c'è niente di più utile dell'avere parenti e amici meccanici, carrozzieri, elettricisti, idraulici, muratori ...

      Elimina
  9. Mia sorella ha un palo.
    Se ti serve...

    RispondiElimina
  10. Ahhhhhhh
    non avevo ancora smesso di ridere per le battute di Angelì che mi è toccato di ricominciare con te ...
    Nel mio libro: come sconfiggere la depressione e vivere felici devo assolutamente ricordarmi di aggiungere il paragrafo:
    "beccare un palo nel punto esattamente bagnato, farne un post, aspettare i commenti".
    ... pur sempre meglio di un prozac, non credi?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. per quanto posso cerco di non essere troppo prozaico

      Elimina
  11. Arrivo in ritardo stavolta, ma per ovvie ragioni.
    Dunque: hai due occhi soli, ma anche due belle chiappe e se non lo sai si guida anche con quelle, per avere la portanza, insomma te la devi sentire sotto. Dice, ma se faccio marcia indietro a che mi servono le chiappe? Bè se hai buone chiappe, cioè si ciai culo, er panettone lo eviti.
    ahahahahahahahaha!!!!!!!!!!!!!!!!
    Usa gli specchietti laterali invece di girarti, tanto non vedi un gran che e se li abbassi vedi esattamente dove vai con gli spigoli della tua auto.
    C'era già un bozzo? Sarà stato tuo figlio, o tua figlia e poi via di corsa a rimettere la macchina al posto giusto e che non se ne accorga la mamma. Sono le gioie della maternità, cara Silvia.
    A me lo hanno fatto Anna Maria e mia figlia Stefania, quando avevo l'Argenta e loro volevano tirarla fuori dal garage.
    GGGRRRRR una grattata sulla destra altezza portabagagli, dove io non passo mai, perché vado al posto di guida che sta a sinistra.
    Passa un mese e si va al lavaggio, tutti e tre, vuole venire anche Stefania chi lo sa perché. Così mentre io metto i soldi per far partire l'attrezzatura sento una specie di strillo: "Ma cosa hai combinato?"
    Sono lì tutte e due con le mani sui fianchi con l'aria minacciosa, e io che guardo e vedo per la prima volta resto come un salame.
    "Non sono stato io".
    "E chi vuoi che sia stato mai, la porti solo tu la tua macchina."
    Così sono rimasto col senso di colpa fino a quattro anni dopo, quando avevo la Croma. Diedi le chiavi ad Anna Maria e le dissi: "Tirala fuori dal garage".
    "No, mamma, sennò succede come con l'Argenta"
    E tutte due immobili a guardarsi con una mano sulla bocca.
    Capito?
    Auguri.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Immaginavo che avresti tirato fuori questa vecchia storia!
      Gli specchietti laterali sono una fissa di voi uomini, sempre lì a dire che bisogna usarli;
      a me danno sempre un po' noia, hanno quella brutta abitudine di prendere le strisciate!
      Che ne dici delle dimissioni del Papa?
      Secondo me dopo essersi buttato su twitter ha scoperto che era più divertente cinguettare che pontificare!

      Elimina
    2. Se fai le strisciate anche con gli specchietti è cosa grave. Prova a cambiare occhiali....Invece di blaterare e parlare delle fisse di noi uomini, parliamo delle fisse vostre, tipo quelle di scartavetrare tutti gli angoli di palazzo con le vostre vetture, o parti di esse. Abbassa gli specchietti (ruotandoli verso il basso, si capisce, non mettendoli sulle ruote...)e ti faranno vedere esattamente quella parte della sagoma che ad occhiali nudi (!) non vedi.
      Il Papa? Mi ha fatto tanta pena, e rispetto. Non è stato un atto di vigliaccheria, ma di bontà. E te lo dico io che sono un mangiapreti, ma questo papa mite e coraggioso ci voleva proprio dopo l'inumana invadenza e arroganza del polacco, che tutti avete osannato. Un agonia televisiva come quella di Giovanni Paolo II, Joseph Ratzinger ce l'ha risparmiata. Gliene siamo grati.

      Elimina
  12. E se arrivava il padrone del palo (seppure anoressico) e ti faceva causa? Ringrazia san Cristoforo...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il paletto non ha avuto nessun danno, tra. Ho controllato, non ha detto bè nè fatto ah.
      Non sapevo che San cristoforo fosse il patrono dei bocciatori!

      Elimina
  13. Una volta presi una tuonata tremenda in retromarcia che la mia carrioletta ha il culo alto e l'ostacolo era basso basso.
    Il segno è ancora là a testimoniare il cozzo.
    Che fastidio e che rabbia anche.
    Poi tutto passa.
    E ora sto molto attento. Lezione imparata. ;)

    RispondiElimina
  14. Che poi -hai notato?- ci si arrabbia con il panettone invece che con la propria imbranataggine!
    Un giorno stavo fuori da un supermercato a ciacolare con un'amica.
    Un'auto fece la retro e ... pum! una grandiosa cozzata addosso al povero alberello da poco piantato nella povera aiuola.
    Il donn-one scese dal suv-one per verificare i danni e prendersela con qualcuno-qualcosa di diverso dalla propria dabbenaggine.
    "ma guarda te se dovevano piantare un albero proprio lì!" esclamò furente, mentre io e la mia amica sghignazzavamo a più non posso.

    RispondiElimina

Parla! Adesso o mai più!