martedì 7 luglio 2015

una minuscola vita sul palmo di una mano

 
E niente, da parecchio tempo mi ero ripromessa di  pubblicare questa foto di mia figlia, che mi piace tantissimo.

Scrivere un qualche cavolo di post non posso, fa troppo caldo. Se lo facessi mi lamenterei della fatica di andare a lavorare con queste temperature. In classe ho una media di 33 gradi.
Oggi un mio alunno si è affacciato alla finestra a osservare i lavori di ristrutturazione  della piscina,  il cui tetto è situato al nostro livello, e ha urlato: Silvia! C'è un muratore in mutande sul tetto! Eh sí,   perché c'è sempre qualcuno che sta peggio di te a questo mondo. Si lo so che il mio pensiero non è il massimo dell'originalità ma che ci vogliamo fare ... con queste temperature  è già tanto riuscire prima cosa a partorirli seconda cosa a non farli evaporare, i pensieri.
 I don't suffer summer, è una stagione troppo invadente, caciarona, egocentrica. 
Contravvenendo alle leggi della natura me ne andrei volentieri in letargo fino a settembre.
E voi, avete la fortuna di lavorare in un ufficio con l'aria condizionata?
Ecco, sappiate che vi invidio assai.

25 commenti:

  1. Quella lì della foto è la chiocciolina del suo indirizzo email.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Suo di chi? Della chiocciolina stessa o di mia figlia?

      Elimina
    2. Di tua figlia. Gli indirizzi email delle chiocciole non hanno la chiocciola bensì il coguaro.

      Elimina
    3. In effetti si sarebbe trattato di un conflitto di interessi.
      Non so cosa sia il coguaro, ma ti credo sulla fiducia.
      Ciao Angiolo, buona settimana ... (ma ce l'hai o no l'aria condizionata al lavoro?)

      Elimina
    4. Il coguaro è il puma. Lavoro in un palazzo di vetro con le finestre che si aprono al massimo di una spanna, senza aria condizionata non si vivrebbe, eppure ci sono giorni che si muore di caldo perché le colleghe tappano le bocchette perché hanno freddo.

      Elimina
    5. Nessuno scienziato, finora, ha saputo dare una risposta scientifica alla domanda: perché le donne sono più freddolose degli uomini?

      Elimina
  2. mah qui la sera si trotta sul lungomare ed annusare la brezza.
    e poi 'pubblicare questa foto di mia figlia' fatta da tua figlia ... o hai una figlia lumachina piccina piccina? :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Te beato che te ne vai a zonzo ad annusare la brezza marina.
      Hai ragione, mi sono espressa male.
      Però le lumache sono quelle senza casetta, quelle schifose che trovi nell'orto, mentre quelle che vanno in giro con il camper si chiamano chiocciole.
      Non lo sapevo nemmeno io fino a quando mia figlia ha scritto l'ultima tesi di laurea "un allevamento di chiocciole in classe".
      Ciao, ogni tanto sparisci e poi ricompari. Te ne vai a fare gli esercizi spirituali? :)

      Elimina
  3. bella la lumachina. ma dove insegni a luglio?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In un centro per disabili ...
      ciao, benvenuto!

      Elimina
  4. Risposte
    1. Interessante, più tardi leggerò meglio, a meno che decida di coricarmi prima.
      Io ho sempre schifato l'aria condizionata, dissuadendo i propositi di mio marito di installarla in casa, sia per ragioni ecologiche sia perchè non la ritengo salutare.
      E' un circolo vizioso: più si usa più aumenta l'effetto serra.
      E a volte se ne fa un vero e proprio abuso.

      Elimina
    2. Non solo.
      Il condizionamento (riscaldamento e raffrescamento) diminuisce la capacità di termoregolazione del corpo.
      In altre parole riscaldamento e raffrescamento aumentano la percezione, rispettivamente, di freddo e caldo.

      Certo è che questo merdosa invasione climatica africana (che si aggiunge a quella migratoria) porta un clima per cui non non siamo stati né selezionati e quindi evoluti.
      L'avvitarsi della crisi ecologica dovuta anche all'inquinamento antropico (gas climalteranti come il biossido di carbonio) ci restituisce - giustamente - con interessi gli spregi che facciamo a Gaia / natura / Madre Terra (dipende dal livello su cui ci si mette).

      Elimina
  5. Dai ... il caldo si può sopportare, più o meno ... in fondo E' LUGLIO, no ??? E luglio è da sempre la stagione del gran caldo e di certe sfrenatezze ...
    Già il tempo ( .... tacci sua ! ) se ne va via, e scappa da leprotto, manco fosse una donna in cinta che s' è vista capitare davanti, improvvisamente di notte ( ma anche di giorno ), er sor @brunetta .... e a noi, di tempo, ne è riservato davvero pochissimo ! :-(
    Eppoi, quella diafana chiocciolina è di una bellezza così pulsante di vita .... di una bellezza così tenera ad osservarla, che, i malo-pinseri dovuti al caldo, si sciolgono mooolto più facilmente !
    Complimenti alla dottoressa ... ed a mamma & papà che la crebbero con siffatti valori !!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E quali sarebbero queste sfrenatezze??
      Il caldo, secondo me, dà alla testa.
      Non a caso i suicidi aumentano nella stagione estiva.
      E poi credo che il caldo non sia più lo stesso.
      E' molto più caldo.
      Il sole è più caldo anche d'inverno. Al primo novembre, per dire, ero al rigugio Bietti, a 1800 metri di quota, in canottiera: non dirmi che è una cosa normale.
      Ah ma tu ce l'hai proprio su con "la" brunetta!
      Pensa che ai tempi in cui era ministro mia figlia ne sentiva parlare e pensava fosse una donna ..... la signora Brunetta!!

      Elimina
  6. @brunetta ???
    No, non è la mia statura di 190 cm che mi rende invisa la sua nanitudine, è ciò che rappresenta, è la sua storia di "portaborse" prima di @Craxi Benedetto detto 'bettino' e poi, quando quello si diede alla macchia, lo divenne del @pornonano di plastica, assurgendo a capo di ministero senza il benchè minimo straccio di merito personale !
    Ci sono nani dallo sguardo malinconico che, quando incrociano i miei occhi, fanno sentire nano me, ad onta della mia statura, e mi suscitano una tenerezza che mi emoziona ... sempre !
    Lui no, lui è cattivo ... e, fra l' altro, porta sfiga come il suo boss ... tacci loro !!!
    Il tempo ???
    Gioca con le stagioni, e tratta luglio o novembre come un calciatore di scarsa tecnica tratta il pallone calciandolo verso il nulla ... Io amo l' autunno, amica mia, amo i suoi colori tenui e variegati, le sue carezze lievi alla Memoria ... i tanti rimpianti di perdute stagioni, quando il cielo era terso ed il sole pareva brillare soltanto per noi .
    A bientot ... @Silvia, ed ancora complimenti 'paterni' per la tua sensibile figliola !

    RispondiElimina
  7. Io credo che il Brunetta non abbia accettato il proprio handicap. Per rifarsi del senso di inferiorità è diventato una persona arrogante e astiosa.
    L' equivalente femminile della Santanchè, che nella vita passata era evidentemente una iena.
    Per fortuna con il cambio di governo -lasciando a parte giudizi sull'operato dello stesso- certi brutti ceffi non ti appaiono più di sorpresa in cucina nel dopo cena, rovinandoti la digestione.

    RispondiElimina
  8. Grazie dei complimenti paterni ...
    Ma credo di non avere nessun merito, i figli vengono su come vogliono, nonostante tutti i tuoi sforzi e i tuoi errori.

    RispondiElimina
  9. Il tuo post è carino. Una brezza estiva (sono in terrazzo verso la collina del mio appennino romagnolo (BO). La brezza estiva viene dalle tue frasi. E' un piacere seguirti. Avanti così cara! Tiziano G,

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Nessuna brezza estiva qui, solo caldo umidità e sudore.
      Perfino il tempo sembra rallentare, i giorni che mancano alle ferie arrancano.
      Le persone sono esauste, inclini allo sclero.
      Io vado in giro per casa con il termometro in mano, a fare esperimenti.

      Elimina
  10. Ministro tua figlia? Non mi dire. Quale partito? Ministro di che? Quando? In quale governo? Come si chiama?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ministro mia figlia? Di quale partito? Quando? In quale governo? Che stai a dì?
      Oh Guido Guido, mi sa che anche a Napoli il caldo imperversa, coi suoi effetti nefasti sulla lucidità mentale :)
      O sei già spaparanzato in quel di Castellammare ... Castellabate ... quel posto lì ....

      Elimina
  11. Strange, now, this question by You, dear @Silvia .... ma anch'io, poco fa, avevo rivolto al nostro @Guido la stessa domanda ( "MA STAI AL MARE" ??? ) e credo che egli, com' è suo costume, NON tarderà a risponderci ....
    Però, da parte mia, posso anticipare :

    Che stjia ar mare o supra la campaggnjia,
    che bbeva 'n' arancjiata o 'no scjiampaggnjia,
    che faccjia callo oppuro freddo assai,
    sor @Guido nostro ... nun se sfibbra mai !!! :-)))

    RispondiElimina
  12. :)))))
    Allora beato lui!
    Io invece somo sfibrata assai ... Più che sfibrata sciolta ... Più che sciolta bollita ... Più che bollita brasata ... Arrostita .... Incendiata ... Ma anche Cotta a fuoco lento ... Sullo spiedo, come un pollo!

    RispondiElimina
  13. @ Guido
    Ho lasciato un commento da te, invano.

    RispondiElimina

Parla! Adesso o mai più!