martedì 20 novembre 2012

quando c'è di mezzo quello lì ...


Ragionier Fantozzi è stato maltrattato, come  Ghedini riferisce e come  tradizione fantozziana vuole.


La moglie di Fantozzi ha reagito estraendo dal cassetto un revolver rosario  e si sono messi tutti a recitar preghiere, in un miscuglio di romano-albanese-padano- che perfino  l'onnisciente Dio ha dovuto scomodare gugòl traduttore.
Dopo le preghiere della sera i coniugi Fantozzi si sono coricati e un  angelo custode rapitore ha loro rimboccato le coperte.
Non si sa come la strana combriccola abbia passato la notte, ma quel che è certo è che la moglie di Fantozzi al mattino ha preparato caffè varnelli per tutti.
Al momento del commiato un rapitore è stato colto da panico perchè non trovava più la fantomatica chiavetta usb,  l'arma del ricatto; 
cerca cerca indovinate dov'era, nel taschino, come quando cerchi gli occhiali e li hai sul naso.
Nel frattempo il suo  compare-compagno di sventura  smemorataggine  lasciava sull'appendiabiti niente poco di meno che il passamontagna.
Ragionier Fantozzi gli è corso dietro per darglielo, che non prendesse l'aria fredda del mattino.
Perchè quando manca l'intelligenza supplisce la cortesia.

Sembrerebbe una barzelletta, invece è ciò che ho letto -testuale, provare per credere- a pagina 5 del corriere della sera di oggi martedì 20 novembre.

Giuro sul mio adorabile sfregio frontale che non ho aggiunto niente.
L'unico commento che mi viene da fare è che quando c'è di mezzo Berlusconi non si sa mai dove finisce la farsa e dove inizia la tragedia.

29 commenti:

  1. Ho avuto difficoltà nel crederci.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma poi ti sei ricordato di vivere in Italia, di aver visto tante altre situazioni assurde, e ci ha creduto vero?

      Elimina
  2. Di tragedie non ne vedo.
    Esclusa quella di noi, poveri mortali, che dobbiamo continuare a sorbirci le loro "minKiate" (scusa il francesismo...)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La tragedia sta nel fatto che non riusciamo a liberarci di questo essere abominevole, euri!
      Sembra che se ne vada, sembra che se ne vada .. e poi ritorna, come i pidocchi!

      Elimina
  3. Ma che popolo siamo che abbiamo permesso a questo individuo di coinvolgere il nostro Paese in una continua vergognosa farsa fino a trasformarla in tragedia per tutti noi!
    Ovviamente non mi riferisco a Fantozzi ma al suo datore di lavoro!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Un popolo ottuso, che corre dietro al primo pifferaio che incontra, ornè!

      Elimina
  4. È politichese e quindi, per tacito patto di non aggressione o non belligeranza -tanto per citare antichi patti- tra me e te mi dovrei astenere da ogni commento; per di più in questi giorni in cui sono "accampato" in casa mia vedo ben poca TV e giornali non ne vado a comperare alla stazione centrale di Karlsruhe, e internet lo uso col contagocce data la situazione contingente di questa mia camera di lavoro (comperate il portatile gente così ve lo portate in letto o al cesso come volete, ma non sarete mai legati ad un ambiente) fine del bla bla, ma sono in un certo modo costretto a dire la mia.
    Non è una tragedia ma la solita pagliacciata e non si capisce a vantaggio di chi.
    Che popolo siamo, Ornella? Che popolo siete, perché io e i tanti italiani che in Italia non vivono e oramai non vengono più a votare da anni, come ho fatto io, delle plurime elezioni di questo pagliaccio non portiamo nessuna responsabilità.
    Quando si bevono promesse facinorose non ci si deve lamentare che poi tutto ti si rivolti contro.
    La tragedia è che nemmeno l'altra banda è migliore e immune da malefatte.
    Non mi si venga a dire che è stato Berlusconi da solo a fare sto casino, perché sto casino è incominciato negli anni 60, quando il nostro cantava in francese sulle navi e non diceva minchiate alla TV, per citare il bel francesismo di Euridice.
    Lo sfascio è iniziato quando la DC di Fanfani, di Andreotti, di Colombo, di Rumor, di De Mita con in mano tutto il potere spartibile col PSI ha iniziato il sistema del clientelismo. Lì il debito pubblico è salito alle stelle e si è decplicato.
    Berlusconi, D'Alema Dini Prodi hanno accelerato la caduta, niente di più.
    Adesso voteremo Vendola con l'orecchino al pisello, e staremo tutti felici e contenti a guardare quanto dureranno insieme sti debosciati.
    Quando finì la guerra si diceva: "ha da venì Baffone",
    Quello io auguro a questo popolo incapace di vivere in una democreazia, che produce unicamente imbroglioni che si dividono in tutti i rami della vita civile della nazione: un nuovo Baffone, rosso, nero o zigrinato, ma che spazzi via tutti e tutto e ridia lavoro e benessere alla gente, che quando non deve pensare è beata e contenta.
    Ciao.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. L'"altra banda", come la definisci tu, ha governato il paese per ben poco tempo, indi ha minori responsabilità.
      Berlusconi è politicamente figlio del sistema clientelare DC-PSI, essendo nato da una costola di Craxi.
      Quando la magistratura ha cominciato a guastare la festa con la fissa delle mani pulite, il rampante brianzolo ha pensato bene di darsi alla politica, per contrastare l'operato dei giudici e curare meglio i suoi sporchi affari.
      Da quel momento l'Italia ha cominciato ad affondare, con buona pace di
      questa buffonata

      La battuta su Vendola non fa ridere, anzi è una stronzata!

      Elimina
    2. Lo sapevo che sul politichese sei intangibile.
      Quindi ti rispondo: colpa mia non tua, la prossima volta mi asterrò da qualsiasi commento.

      Però anche tu potevi astenerti dallo scrivere l'ultima acida riga!

      Elimina
    3. Silviaaaaaa, sei una forza della natura! Semplicemente STUPENDA!

      Elimina
  5. B. il più amato dagli italiani.
    E' una cucina? No, è il capo della banda bassotti.
    Una mia zia lombarda una volta lo definì in modo conciso e lapidario: um mediocre istrione.
    Il fatto che sia stato adorato dalle masse italiche la dice lunga su come siamo messi.
    Il bobbolo ha sempre voluto pane e circo. Pure il secondo è alquanto scadente.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Quanto tempo ci ha messo ad accorgersi che lo spettacolo non vale i soldi del biglietto?
      Troppo, direi!
      Quanti di quelli che oggi protestano in piazza o acclamano Grillo gli hanno dato il voto?
      Perchè invece di strepitare non si cospargono il capo di cenere e non si tagliano la mano come Muzio Scevola?

      Elimina
    2. > Quanti di quelli che oggi ...

      Molti, troppi italiani proni al potere e pronti a saltare di carro in carro.
      Per me è orrendo, disgustoso.

      Elimina
  6. bhe come ha notato qualcuno ... il Rag. Spinelli, quello che possiede l'IBAN delle meglio gnocche di Arcore ... -.-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Già, le famose olgettine di via olgettina disposte a fare le orgettone :)

      Elimina
  7. penso che questa pagina andra` riletta con altri occhi tra qualche anno!
    francesca

    RispondiElimina
    Risposte
    1. bhà!
      l'unica cosa certa è che se un uomo di potere si circonda di puttane e puttanieri prima o poi anche la sua carriera va a puttane ...
      peccato che sia successo fuori tempo massimo, quando ormai è andata a puttane anche l'Italia!

      Elimina
  8. Non ci sono parole!!!! Alla vergogna in cui ha trascinato il capo del ragioniere non c'è mai fine eppure avevo sentito dire che anche i peggiori incubi finiscono....ma in questo caso, non c'è verso
    Emi

    RispondiElimina
  9. Ciao Silvia. Mi assenterò per un po' così non correrò il rischio di scrivere stronzate. Sai perché, ma qui te lo confermo: fra mezzora forse dovrò staccare il PC e non so se lo riattacco in casa in un'altra stanza oppure no.
    Un abbraccio e tanti auguri: che tutto vada bene a te e alla tua famiglia.
    Ciao
    Enzo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie,
      anche a te e a tua moglie.
      La situazione è molto più che scocciante ma potresti vedere il lato positivo: un periodo di astinenza dal web non ha mai fatto male a nessuno, e nemmeno un mese di vacanze alle Caiman :)
      Ciao
      Silvia

      Elimina
  10. Cara Silvia, se ti va passa da me. Ho risposto al tuo commento.
    Non commento il tuo post, tranne per dire che lo condivido
    ciao, marina

    RispondiElimina
  11. Quantomeno risparmiamo i soldi del teatro. Lo vedi, lo fa per noi, si sacrifica per il nostro bene. Lo dovevamo capire anche dal cast che aveva scritturato che era tutta una fiction, ed ora per non abbandonare le scene, per sollazzarci ancora, si riconverte. Dalla commedia passa al teatro dell'assurdo. Che uomo di cultura, che spettacolo. Ciao Silvia

    RispondiElimina
  12. E ora vorrebbe mettere su l'ennesima compagnia teatrale.
    Aspetto ansiosamente di sapere con che nome sarà battezzata.
    Artisti di strada potrebbe anche andare, che ne dici?
    La strada delle puttane, quella dei faccendieri, dei mantenuti, dei compagni di merende ...
    Qualsiasi strada, anche sporca, basta che non conduca in tribunale.

    RispondiElimina
  13. Il problema non è affatto morale o moralista, visto che ciascuno ha il diritto alla propria libertà e creatività sessuale.
    Il problema è che il puttaniere di Arcore cofirmò con la Carfagna la legge per la lotta alla prostituzione. Tu indegno cittadino o paesano no, io sì.
    Altro problema è il giro di nomine (la Minetti non è l'unica) a ruoli istituzionali per meriti estetici o vulvari od orali.
    Allora se vuoi far fare carriera ad una bella topa, assumili nelle tue aziende dove l'estetica (peraltro assai scadente, per i miei gusti) è criterio di prezzo, di guadagna o fama.
    Invece 'sta ghenga di mestieranti del potere lo mantengono proprio pasturando una folla di scadenti, arraffoni, pregiudicati, malavitosi, corruttori etc. nominandoli a ruoli importnati e cirocndadosi di essi.

    Servirebbero ... sto zitto altrimenti scrivo cose naziste.

    RispondiElimina
  14. La famosa meritocrazia vulvare!
    :)))))))))))
    Tu Walker hai il potere di spedirmi a rileggere vecchi post dimenticati!

    RispondiElimina
  15. C'è pure quella orale e anale, Silvia.
    Eccheddiamine, l'è una cosa importante questa.

    RispondiElimina
  16. Ehm ... rimaniamo sul classico eh? :))

    RispondiElimina

Parla! Adesso o mai più!