lunedì 5 dicembre 2011

L'afasia della Fornero

Francesco è un bel ragazzo, apparentemente senza problemi.
In realtà ha un deficit cognitivo e difficoltà linguistiche: fatica a ricordare termini nuovi, ma anche quelli di uso più comune. Inoltre è depresso e a rischio di disadattamento. Incapace di reggersi (emotivamente) sulle sue gambe, ricerca costantemente l'appoggio dei compagni, diventando completamente acritico e gregario nei loro confronti, fino ad accettare atti di bullismo.

Di noi adulti comincia a fidarsi solo adesso che è al terzo anno.
I  tentativi di raccontarmi qualche suo vissuto sono ostacolati dall'impaccio linguistico, dal tono di voce appena udibile e dal mio udito non proprio brillante.  Si ferma spesso a cercare nella propria memoria deficitaria la parola giusta, che ricerca in modo affannoso e concitato, diventando via via sempre più impaziente. Se non mi affretto a indovinare ciò che vuole dirmi, dopo un tot di tentativi falliti comincia a diventare paonazzo per la frustrazione e pensa bene di colmare il vuoto della parola dimenticata con una  limpida chiara sfilza di parolacce. (Quelle se le ricorda tutte)
Oggi sono di supplenza in  mensa e ne approfitto per ricordargli che nel pomeriggio non ci sarà lezione -va preparato a questi disguidi, perchè mal tollera i cambiamenti-, poi gli chiedo che compiti gli avevo dato venerdì.
"Quello ... guardare ... il telegiornale . .. di quello là con gli occhiali, come si chiama .."
"Ah, sì, dovevate vedere se Monti presentava la manovra economica"
"Hai visto Fuma quella signora che piangeva?"
"Sì, l'ho vista"
"Piangeva perchè non riusciva a .. non riusciva a ... non ce la faceva a dire una parola ..."
"Hai capito quale parola non riusciva a dire?"
Francesco ci pensa un pò, mentre raschia il fondo del barattolo del budino alla vaniglia. Non sentendosi sotto pressione  come in classe, non si agita, e terminata l'operazione raschiatura mi dice, con un insolito sorriso: "Non riusciva a dire la parola sacrificio"
"Bravo, li hai fatto bene i compiti" lo gratifico, ricambiandogli il sorriso.
Non so se il mio caro alunno fosse insolitamente contento perchè si era ricordato una parola difficile, sacrificio,  o se lo fosse per aver scoperto  che anche una persona grande e importante, una persona della televisione, può avere il suo problema.

22 commenti:

  1. Ti deluderò ma a me quelle lacrime hanno fatto schifo. Piangi perché sei convinta di stare facendo una porcata? E allora perché non ti sei dimessa? Dicevi al bel signore con gli occhiali: "No caro, io questa deindicizzazione non la tollero, perché quelli che prendono oggi 1000 euro tra tre anni, sempre prendendone 1000 ne avranno in mano 600. Comincia a dare palate in testa a chi si oppone alla tassa sui ricconi, e non tassare barchette e aeroplanini, ché quelli appartengono tutti a società di comodo".
    Invece lei appoggia, controfirma e poi ci regala le sue lacrime di coccodrillo.
    Eh no! Signora Fuma mia bella, io non ci sto e tu scandalizzati pure che ci siano ancora in giro uomini senza cuore e insensibili come me.
    Tutto ciò detto senza acredine nei tuoi confronti, che non c'entri niente sia ben chiaro, ma mi aspettavo da questo Super Governo qualcosa di Super e abbiamo questo.
    CRESCITA, RIGORE, EQUITÀ.
    Tanto troppo rigore, dove starà la crescita lo sa Dio e l'equità vattela a trovare.

    RispondiElimina
  2. Sì, Monti è stato un codardo e non ha avuto il coraggio di ribellarsi alle imposizioni di Berlusconi che gli ha impedito di mettere una sacrosanta patrimoniale sui grandi patrimoni, di mettere all'asta le frequenze televisive che avrebbero fruttato un bel po' di miliardi, di attuare una seria lotta all'evasione fiscale semplicemente comparando il patrimonio posseduto con quanto dichiarato nella denuncia dei redditi, di tassare ben oltre 1,5% i patrimoni scudati fatti rientrare in Italia con un condono scandaloso al 5%, perchè si sa Berlusconi bada solo ai suoi interessi e a quelli del suo elettorato più ricco, e poichè il PDL è comunque il partito di maggioranza può far cadere il governo quando vuole se non sottostà ai suoi voleri. E' scandaloso che Alfano ( maggiordomo di Berlusconi) si vanti di aver ottenuto con la sua delegazione che non venisse innalzata l'irpef sui redditi oltre i 150.000 euro! Togliere alle pensioni anche quel misero adeguamento annuo all'inflazione è stata una cosa vergognosa, soprattutto se parliamo di pensioni di 1000/1.500 euro, che molto spesso sono l'unica entrata in famiglia! Ecco, che la Fornero non ne abbia parlato con sfacciata disinvoltura, ma che si sia resa conto della porcata tanto da piangere, beh se non l'assolve se non altro fa capire che non è cinica! Monti avrebbe dovuto imporre ai partiti ben altra manovra con un bel "prendere o lasciare" e poi avrei voluto vedere chi si sarebbe presa la responsabilità di far fallire l'Italia! Era il momento del "o la va o la spacca", era stato messo lì per questo!

    RispondiElimina
  3. @Silvia
    Tutte e due. Ma più la seconda che la prima!

    @Ornella
    D'accordo su tutto.
    Non avevo pensato al pianto della ministra come pianto di reazione ad una imposizione.
    Cioè piange non (solo) per la rabbia per i sacrifici che chiede ma anche per la rabbia per i provvedimenti che sono le sono stati imposti. A lei che magari avrebbe colpito più volentieri altre classi.
    Allora mi chiedo se, come dici Ornella, Berlusconi ha fatto delle imposizioni, quali sono quelle che ha fatto Bersani?

    RispondiElimina
  4. @ Al
    Credo che Bersani sia riuscito ad imporre ben poco, a stento gli è stato dato il contentino di quel 1,5% sui patrimoni scudati. E ' Berlusconi che ha ancora il coltello dalla parte del manico, ed è il suo elettorato che è stato colpito di meno. L'elettorato di sinistra fatto in gran parte di dipendenti pubblici e privati, in attività o in pensione ( tanto per intenderci quelli che pagano le tasse perchè gli vengono prelevate alla fonte), è stato quello maggiormente colpito da questa manovra. Manovra iniqua, perchè in proporzione peserà molto di più sul ceto medio-basso che su quello medio- alto, per non parlare di quello altissimo che ne esce quasi indenne! Ma non abbiamo via di scampo se vogliamo tentare di salvare l'Italia, pertanto dobbiamo subirla, anche se con rabbia!

    RispondiElimina
  5. Al: ti sei mai trovato in una sagrestia quando le vecchiette vanno a lamentarsi dal parroco? Lui ridacchiando le fa parlare e poi una carezza sulla groppa di una, una carezza sul capoccione di un'altra, affabilmente ma con fermezza le spinge tutte fuori dalla porta.
    Bersani è un sagrista della madonna.
    Berlusconi o chi per lui tirano l'acqua l proprio mulino, e si sa; Bersani lascia fare sperando di averne un vantaggio politico alle elezioni prossime venture.
    Insomma gente, a questi figli di grandissime zozzone non gliene frega niente di noi, ma solo del ritorno in voti che avranno. È questo che me li rende odiosi.
    Vero Ornella, lo dico e lo sbraito in casa mia: Monti doveva ESIGERE carta bianca da Napolitano. Dire ad esempio: chiudiamo i due rami del parlamento fino al 2013, e tu Napolitano firmerai tutte i decreti legge che io presenterò.
    Prima cosa dimezzamento dei parlamentari e delle spese della politica.
    Con milioni di persone che avrebbero applaudito non ci sarebbe stata nessuna rivoluzione, Berlusconi, Bersani Bossi e Casini vari non sono dei pirla.

    RispondiElimina
  6. Biciè, ci voleva Monti per farci essere d'accordo al 100%! :-)

    RispondiElimina
  7. bah ...io resto on topic.
    Domenica scorsa al palazzetto c'era lo Special Olimpics con gli altrimenti abili. hanno fatto una partitella di basket tra 1° e 2° tempo e devo dire una cosa, mentre i più grandicelli (intorno ai 40 anni) con ricovero in istituto facevano quel che potevano, i ragazzini (seguiti con metodi educativi moderni) palleggiavano, tiravano, passavano la palla con padronanza. Quasi non si notava la disabilità.
    Alla fine quando hanno lasciato il campo tra gli applausi di tutti, è stato difficile non avere gli occhi lucidi.
    Quindi io mi completo con te per la tua pazienza educativa.
    :-(

    RispondiElimina
  8. @Ornella @Vincenzo
    Mi stavo chiedendo se questo è il risultato di una manovra secondo Monti ispirata all'equità, una manovra senza correzioni di equità a cosa ci avrebbe portato? Magari alle fruste sul posto di lavoro?
    Credo comunque che questa potrebbe essere stata una mossa astuta di Monti per difendere l'impianto complessivo cedendo qualcosina in fase di contrattazione parlamentare sull'adeguamento delle pensioni all'inflazione e qualcosina di detrazione in più sull'ici.
    @ solodinamo bello il tuo racconto! Non ho capito se sei rientrato in topic collegando le lacrime tue e quelle della ministra ;)

    RispondiElimina
  9. Le lacrime della Fornero dimostrano chiaramente che questo Governo è piegato da voleri alti. La Signora Fornero potrebbe tranquillamente opporsi se non concorda con queste misure, ma non lo farà perchè sa benissimo che non potrà fare diversamente (nella logica di questo sistema, certo).

    RispondiElimina
  10. A proposito di tassare barchette, Iacoponi.
    Ieri Mister Castelli, del partito PPQOCV "Portiamo Pure Quelle Orribili Cravatte Verdi, Tanto La Figura Dei Babbei La Facciamo Appena Apriamo Bocca" ha detto che una barca a vela costa come un'utilitaria, e che, COMUNQUE, le barche a vela fanno PIL, perchè danno lavoro a chi ... bla bla...
    Io mi domando come si faccia a sparare simili cazzate. Il "dare lavoro" diventa un facile lasciapassare per ogni necessità di scusanti.
    Anche la mafia dà lavoro, Castelli! Anche la guerra dà lavoro, Castelli! Anche chi vota lega dà lavoro, Castelli! E per fortuna che a Lecco sei stato trombato, Castelli!
    Non mi fanno schifo le lacrime di una donna che a me pare onesta, mi fanno schifo i governi che ci hanno portati in questo baratro.
    Governi principalmente di centro destra, o sbaglio?
    MI FA SCHIFO LA LEGA, per come si sta comportando in questo momento storico: "Che l'Italia vada pure afc, l'importante è fare il pieno di voti alla prossima chiamata alle urne"

    RispondiElimina
  11. Ciao Dinamo, il tuo "completo" ha un suo senso, nel contesto. Nell'equilibrio di un ragazzo in età evolutiva il tempo libero e lo sport sono una parte importante quanto la scuola, e, appunto, aiutano a completare la sua formazione.
    Per un disabile ancora di più, perchè spesso in questi ambiti può trovare un ambiente accogliente e nei successi sportivi più soddisfazioni che a scuola.
    Proprio per questo l' assistente sociale del centro appena possibile convince i genitori dei nostri alunni ad iscriverli in una società sportiva come la vostra, e quando si riesce a inserirli si nota un sensibile miglioramento nella loro qualità di vita.

    RispondiElimina
  12. davide e ornella,
    scusate se non vi rispondo ma mi si chiudono gli occhi ...
    Buona notte!

    RispondiElimina
  13. Non ti illudere, Silvia, sono tutti uguali: il trombato Berlusconi, il trombato Castelli, il trombato "in fieri" prossimo futuro Bersani, il super trombato Fini, la super checca Casini, e il super super super pezzo di merda Di Pietro.
    Tutti figli della colpa delle luridone delle loro madri, tutti pronti a sfruttare la situazione a proprio vantaggio. Tutti in caccia di voti degli indecisi, degli insicuri e dei trombati dalla vita.
    Che la Lega si trovi all'opposizione in questa contingenza la dice lunga sui loro desideri e sulle loro mire. Ma dove lo trovano un altro Berlu per arrivare al governo?
    La classe politica dovrebbe scomparire: basterebbe un computer con un grosso programma indicizzato, che potesse anche parlare come in un famoso film.
    Al popolo le pasticche per sopravvivere e tutto regolato automaticamente, senza offesa per nessuno.
    Utopia? Non so.
    Aspetta e vedrai.

    RispondiElimina
  14. Come, dove lo trovano un altro berlu?
    Il berlu non è andato alle Caiman, come gli suggeriva Brignano; è ancora lì, in parlamento, vivo e vegeto, un vecchio gattaccio malefico fintamente sonnacchioso, un poco spelacchiato dall'ultima batosta ma ancora potente come un boss latitante, potente e soprattutto desideroso di tornare a dare la caccia ai topolini.
    E la lega è il topo di fogna che non ci metterà nè uno nè due a cambiare bandiera, come ne abbiamo già avuto prova, per tornare a rimettere il sedere sulle poltroncine rosse per ora indebitamente occupate da Monti e soci.
    A meno che Supermario riesca a tirarci fuori dalla fogna, ma la vedo dura, durissima.

    RispondiElimina
  15. DAVIDE, forse oggi ce la faccio a non addormentarmi sulla tastiera. Dici che questo governo è piegato ai voleri alti.
    Quell'altro, invece?
    L'altro era piegato ai voleri alti.
    Con una differenza, che l'altro era evidentemente composto da cialtroni, questo è evidentemente composto da persone serie e competenti.
    Perlomeno questo presidente del consiglio e questi ministri si possono guardare, senza dover avere il telecomando in una mano e una sputacchiera nell'altra.
    Che facciano pagare ancora i soliti noti e che non siano dei rivoluzionari, beh quello in qualche modo lo sospettavamo, ma quando la casa brucia non c'è che da chiamare i pompieri e si sa che quelli non vanno tanto per il sottile e alla fine ti trovi la casa salvata dal fuoco ma allagata. E dove vuoi che piova, se non sul bagnato?

    RispondiElimina
  16. ORNELLA,
    concordo con tutto.

    RispondiElimina
  17. Silvia ti ringrazio per la risposta e spero che questo giorno di festa ti sia servito per riposare.
    Concordo in quasi tutto quello che dici. Quel quasi è riferito al fatto che bisognerebbe vedere quale può essere l'intervento più giusto da parte dei pompieri. Non c'è dubbio che quando la casa brucia bisogna che intervengano i pompieri e che salvata la casa dalle fiamme ci sarà sempre un altro danno con cui fare i conti, però bisognerebbe capire cosa ha fatto bruciare la casa e cambiare sistema, non riportare tutto com'era prima rischiando di nuovo l'incendio.

    RispondiElimina
  18. Devo dire Davide che a dispetto della giovane età ragioni saggiamente! :)

    RispondiElimina
  19. Ti ringrazio Silvia è che cerco sempre di guardare a 360 gradi le cose poi posso sbagliarmi nelle deduzioni.

    RispondiElimina

Parla! Adesso o mai più!