giovedì 1 agosto 2013

svelato il mistero delle gambe che cadono dal letto


Svelato il mistero delle gambe che cadono dal letto!
Ma come, vi chiederete ... come possono delle gambe cadere dal letto?

Eppure è così: ogni tanto di notte sento: PUM! -ahjia!-  è il mio piede destro che picchia contro il marmo della piastrella; picchia sul davanti, perchè dormo a pancia in giù, perciò fa più male, perchè non è la pianta del piede a cozzare ma le dita; lo tiro senza svegliarmi su ma subito ... RIPUM! ... ricade ... di solito ci vogliono tre picchiate per procurarmi un sonnus interruptus e un risveglio abbastanza consistente da farmi cambiare posizione, con le mie povere 5 dita doloranti.
Oggi ho scoperto il perchè: cercando su google "conseguenze anemia e  carenza di ferro" ho scoperto  di avere  la "sindrome delle gambe senza riposo", definita come necessità di effettuare continui movimenti degli arti inferiori, soprattutto nelle ore serali e notturne.
Stanotte, al marito che brontolerà il solito: "hai finito di far casino?", risponderò con sussiego: "Caro, soffro della sindrome delle gambe senza riposo, causata da un basso livello di ferritina serica". 
Fa molta più scena  di un generico bofonchiamento di scuse, no?



27 commenti:

  1. Aahaha, ti farà fare una cura a base di ferro, allora! :)

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ferrograd compresse, che ho preso al momento di coricarmi e mi hanno causato mal di stomaco e nausea.
      così, tanto per non far mancare niente ai miei disagi notturni: caldo, ventilatore rumoroso, insonnia, mal di ovaie, cefalea, gambe che cadono con la giustificazione, dita picchiate, figli che rientrano a orari alterni, libri che non riesco a leggere, pensieri molesti, gatti che fanno i loro assurdi versi, propositi di gatticidi, il figlioletto di gianfesso che sta mettendo i denti, la mia figlioletta che nel sonno lancia certe urla da film horror ....
      devo aver scordato qualcosa, mi verrà in mente stanotte.
      buon'estate mozz!

      Elimina
  2. strano non abbia pensato a come sfruttare questo movimento automatico notturno per adempiere a qualche lavoro casalingo, quale impastare il pane, sfrangere l'uva, sbattere l'uova, schiacciare formiche

    RispondiElimina
    Risposte
    1. dura impastare la pasta frolla con i piedi.
      potrei pigiare l'uva, ma pare sia ancora acerba.
      bye

      Elimina
  3. Appena ti stendi a letto devi metterti a scalciare le coperte come faceva Sandra Mondaini in "Casa Vianello" :)

    P.S.: forse non ho capito bene: se dormi a pancia in giù, perché la gamba cada, occorre che tu ti sporga oltre il bordo del letto con parte del bacino, aiuto, ma non rischi di cadere dal letto? Tuo marito ti ha mai legata al letto simulando un gioco erotico ma poi come nulla fosse si è girato su un fianco e ha fatto finta di piombare in un sonno profondo pur di non slegarti?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. c'è da capire se fosse la Mondaini a soffrire di sindrome della gambe senza riposo o se sono io a soffrire della sindrome della moglie frustrata
      (ehi! ho detto FRUSTRATA, con la erre!)

      p.s. ahhhhh ahhhhh
      sporgere col bacino? niente paura: prima cosa non dormo in un letto a baldacchino, secondo non ho le gambe alla Brunetta!

      Elimina
  4. Dormire a pancia in giù è una vecchia arte indù: si convoglia il sangue nei punti ottimali e lo si ridistribuisce nei punti che poi durante il giorno saranno messi più a dura prova. Però, come argutamente osserva Angelo.G, vuol dire che tu stai per quasi metà del tuo corpo fuori dal letto, ma questo è nulla, e qui intervengo io con la mia ben nota arguzia -non per dire- vuol dire che tu tendi nel tuo inconscio a librarti verso la parte libera, la parte dove non puoi toccare il tuo partner.
    Benissimo, cara Silvia: succede a tutti dopo i primi cento mesi.
    Io non credo al gioco erotico, piuttosto all'innato senso di libertà di ognuno di noi e soprattutto al gran calore notturno di questa stagione, dove si cerca sempre il fresco e mai il calore bollente del sedere del proprio coniuge.
    Ti consiglio di mettere una coperta dalla parte del letto dove precipita il tuo piede: cadrà lo stesso, ma troverà qualcosa d morbido e sarai salva.
    Ciao e buona dormita, senza dita gonfie.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. quanto mai saggio e azzeccato tutto lo spiegone sul caldo di queste notti.
      non avevo pensato alla coperta salvadita, mi sembra un ottimo consiglio :)
      ciao e ... buona pennichella, vista l'ora!

      Elimina
  5. non è che poi lui, per sopperire alla carenza, inizia a prenderti a sprangate con una trave HEB da 240?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. resta da capire come potrebbe essere assorbito il ferro, con questi metodi alquanto rozzi!

      Elimina
  6. Risposte
    1. poteva capitarmi di peggio!
      nella pagina linkata nel post, ad esempio, si parla di "picacismo":
      sintomo molto più imbarazzante delle gambe anarchiche!!

      Elimina
  7. che scocciatura anche per il vicino di sotto ... sono sensibile ai disagi notturni.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. non sono solita dormire con gli scarponi ai piedi, e non mi hanno mai chiamatA piedona l'africana ...
      in confronto a tutti i disturbi notturni di queste notti, penso che il mio piedino da fata sia un battito d'ala di farfalla!

      Elimina
  8. A Sì, mi aspettavo un bel post sulla caduta del nano. Che te se pja, te sei abbioccata?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. altrochè,
      non dormo di notte e di giorno sono rinco.
      giustificata anche dall'anemia, che riduce la capacità di concentrazione.
      non leggo giornali, non guardo la tivù, sento solo qualche news alla radio.
      per quel poco che ho sentito e per quell'unico pallido neurone che mi rimane, penso che la cassazione non abbia avuto le palle per sbatterlo fuori dal parlamento con un bel calcio in culo;
      penso che Napolitano fosse sotto l'effetto di un colpo di calore quando dopo la sentenza ha affermnato "bisogna riformare la giustizia"
      penso che il paese sia ancora ostaggio di questo spregevole individuo.
      che palle. per parte mia, non ce la faccio più a reggere nè lui nè le sue pecore.

      Elimina
    2. Difendo Napolitano: non poteva non dire quello che ha detto essendo costituzionalmente "al di sopra delle parti".
      In sostanza: tutto ok la condanna in terzo grado e quindi definitiva, ma negare che nei confronti di questo imputato si sia trattato di accanimento giudizirio significa negare la realtà. Nessuno è mai stato così tanto e così a lungo inquisito per centinaia di reati o presunti tali.
      Giusto quindi che il primo cittadino dicesse quel che ha detto.
      Quanto al paese ostaggio del nano ti rispondo che sono appena una quindicina di milioni gli elettori e i simpatizzanti di Berlusconi. Rimangono almeno 25 milioni che sono contro di lui.
      Facciano del voto l'arma per sbarazzarsi di lui, non delegando i tribunali come hanno fatto finora. Facciano cioè politicamente ciò che la democrazia permette, tutto qui.
      Buon viaggio verso il nord-ovest: respira aria pulita e non pensare al nano.

      Elimina
  9. Certo che anche come scusa per un calcione ben assestato, è ottima.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. può essere un'idea, Baol. ci farò un pensierino!

      Elimina
  10. La sostanzanon cambia, fai casino uguale.
    hai scoperto la causa ei raffreddori degli uomini sopra i 50?
    Io si, è la menopausa con conseguenti vampate delle mogli
    A letto siete un disastro :-))

    RispondiElimina
  11. ah nucci nucci -sento odor di cristianucci-
    appena hai l'occasione di sparlare delle mogli
    te ne approfitti!
    siamo un poco misogini, eh?
    (o semplicemente moglio-gini?)
    Buone vacanze, anyway :)

    RispondiElimina
  12. ehmmm... che cos'è il "capcha"..?

    RispondiElimina
  13. è un codice di accesso per poter commentate, molto noioso ...
    io l'ho tolto su consiglio di commentatori scocciato e non me ne sono mai pentita :-)

    RispondiElimina
  14. Ciao, non ho mai sofferto della sindrome delle gambe senza riposo, solo qualche raro e dolorosissimo crampo al polpaccio verso l'alba.
    Inoltre, come Te, soffro di una grave forma di allergia nei confronti del nano malefico.
    Comunque devo ammetterlo, quando è stata emanata la sentenza ho avvertito un forte dispiacere e grande rammarico... Purtroppo non avevo neanche una bottiglia di spumante in frigorifero.
    Buone vacanze.

    RispondiElimina
  15. adaaaamus ma dove eri finito?
    del tuo blog ricordo una bella canzone, che volevo postare pure io.
    ho un sistema infallibile per dissuadere i crampi al polpaccio, che a volte svegliano anche me.
    degli innominabili ne parliamo la prossima volta: non mi voglio guastare queste belle giornate di vacanza montana ....
    ciao,
    alla prossima!



    RispondiElimina

Parla! Adesso o mai più!