mercoledì 14 aprile 2010

ginocchioinpappa

Lunedì sera lo specialista ci accoglie sulla soglia del suo studio privato con un sorriso e una stretta di mano. Prima che mi presenti mi riconosce come la sorella di mia sorella. Ammappate! Non mi succedeva dai tempi in cui mamma ci vestiva uguali come fossimo due gemelle.
Mio figlio si stende sul lettino, in mutande. Il doc fa fare un movimento al ginocchio sano e si sente clac, poi fa lo stesso al ginocchio infortunato e non si sente niente. Un silenzio foriero di una brutta notizia: " E' rotto, PURTROPPO" (l'ha detto davvero in maiuscolo, il purtroppo, ma mi renderò conto del valore di quel purtroppo solo tra un pò, lo so).
Legamento crociato anteriore rotto, da operare.
Il giorno dopo sto pensando di mettere un annuncio sul giornale: cercasi balia per giovane in attesa di operazione. Perchè, uno che già rompe di natura, in certe situazioni diventa impossibile. Il pane fa schifo, le zucchine sono amare, il sale sala poco e lo zucchero è troppo dolce, il barometro nuovo mente spudoratamente, la bilancia vecchia ruba, i vestiti vestono troppo e il sole è troppo soleggiato. Ci siamo capiti, no?
Mentre assaggio il pane, che è buono, e prendo le difese degli oggetti presenti in questa casa che fanno il loro dovere meglio che possono, mi telefona mia sorella, dall'ospedale, per dirmi che la lista d'attesa per l'operazione è di 5 mesi. Il ginocchioinpappa è sdraiato sul divanetto della cucina, che ha lo schienale di vellutino verde. Quel vellutino sul quale, se ci strisci col dito, rimane il segno più chiaro. Io sono al telefono sulla sedia girevole del p.c, davanti a lui.
Quando ginocchioinpappa si alza per cambiare divano, sono ancora al telefono, e lo sguardo mi cade sullo schienale verde salvia, sul quale è rimasta una scritta color verde chiaro, una scritta in stampatello, a chiare lettere: FANCULO.

13 commenti:

  1. Se fosse mio figlio lo porterei in Svizzera. Per quel poco che mi ricordo e che la logica mi suggerisce un legamento crociato rotto va operato immediatamente, non dopo 4 o 5 mesi. Altrimenti dopo cammina zoppicando per tutta la vita, a parte l'artrosi che si svilupperebbe. Ricordati che l'Italia, anche la tua Lombardia come vedo, in campo sanitario sta a livello del terzo mondo. In Grecia -dico a casa degli ultimi della classe- si opererebbe in una settimana o due. Me lo dice il mio fisioterapista, che è greco. Qui se arrivi al pronto soccorso di un ospedale con un crociato rotto ti ricoverano di urgenza e l'indomani ti operano, anche se è Natale.
    Alla zia di mia moglie, donna di oltre ottantacinque anni, portata all'ospedale di Udine -non di Cosenza o di Caltanissetta- con uno scompenso cardiaco l'hanno visitata con uno stetoscopio, formalizzato la diagnosi e pregata di prendere un appuntamento per un elettrocardiogramma normale, non sotto sforzo.
    In segreteria le hanno fissato l'appuntamento per otto, ripeto otto settimane dopo.
    Pagando 500 euro da un cardiologo privato l'ha fatto il giorno dopo.
    Qui da noi, io che ho un cuore di ferro, vado ogni sei mesi dal mio medico di casa, normale internista, che il giorno stesso mi fa l'EKG sotto sforzo, perché qui in ogni Praxis si possono fare analisi delle urine ed EKG, senza pagare nulla.
    Ma questo è un grande paese civile, grande a fatti e non a chiacchiere.
    Portatelo in Svizzera, a Lugano. Quello è un altro paese civile e non vi costerà un occhio della testa.
    Logico che si faccia fumare i sacri bronzi e che trovi tutto storto, a cominciare da sua madre, che se lo guarda amorosamente. La natura si ribella e rivela la sua ribellione in mille modi, rivoltandosi contro tutto il genere umano, ma visto che i medici non sono a portata di tiro di schioppo, si scaricano i nervi sulla propria madre.
    Facevo così anche io; fanno così anche i miei figli qualche volta, e mia figlia da un po' di tempo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. non è tutto oro quel che luccica.

      Elimina
    2. Quale oro? Quale luccico? Quale anonimo?

      Elimina
  2. io ho avuto lo stesso problema brillantemente risolto all'ospedale di lanzo intelvi dal dott. Zerbinati che perlatro visita una volta la settimana anche ad Olgiate Comasco al centro S. Carlo.....se può essere utile..... Quanto al malato, ci vorrà un po' di tempo ma ottime possibilità di tornare come nuovo: io se l'avessi saputo l'avrei fatto qualche anno fa!!!

    RispondiElimina
  3. iaco, si vede che non hai mai usufruito delle prestazioni sanitarie elvetiche. Sono cari come il fuoco e non essendo la svizzera nella U.E. non puoi farti rimborsare dal SSN italiano.
    Una volta a Davos mia figlia fu visitata per un' otite, in una KINDER KLINIK. (spero si scriva così). prestazione fulminea, ottima diagnosi, ottima cura, ottimo salasso: ci fecero pagare la visita, le gocce, l'antibiotico e perfino il tempo impiegato nel colloquio: un tot a secondo! Ho ancora la fattura, da qualche parte, con scritto: colloquio con dottoressa, franchi tot al minuto. Ricordo che pensai: per fortuna sono un tipo di poche parole.

    Andre, ieri qualcuno mi aveva parlato di un ortopedico che opera a lanzo ma riceve da un'altra parte, credo sia questo Zerbinati. Il fatto è che ogni persona con cui parli ti dice la sua e alla fine non capisci più niente.
    Grazie comunque, terrò presente anche questa possibilità, l'importante è non aspettare mesi.

    RispondiElimina
  4. il mio legamento crociato è rimasto rotto almeno una decina d'anni e vi assicuro che non zoppico. Quanto ai tempi a Lanzo son piuttosto veloci e il medico che ti ho detto son sicuro che riceve lì. In bocca al lupo

    RispondiElimina
  5. Andre: forse era un menisco rotto, perché con un crociato rotto, cioè spezzato, non cammini per dieci anni come nulla fosse, anche perché hai un ginocchio come un melone.
    Simba: è vero, non ho mai per fortuna dovuto usufruire di prestazioni in Svizzera, ma pensavo che almeno come competenza e rapidità ci si potesse fidare di loro. Per quanto riguarda la loro avidità sono conosciuti e famigerati nel mondo.
    Vista la tranquillità con cui tu e Andre rispondete, mi metterò in contatto col mio ortopedico e gli chiederò. Mi sembra strano che per i tedeschi una simile lesione sia pericolosissima, e per gli italiani no. Che siano esagerati i crucchi? Il mio ortopedico è olandese e mi dirà la verità vera, dato che -come è noto- tra olandesi e tedeschi non c'è proprio amore.
    In bocca al lupo per l'omonimo di mio nipote.

    RispondiElimina
  6. era il crociato ant. dx, ne son certo perchè operato!!! cmq mi dissero a suo tempo che la stabilità del ginocchio è data da diverse funzioni e il legamento crociato è una di quelle: ma poi conta anche molto la fascia muscolare, i legamenti laterali, l'altro crociato ecc.....almeno in italia!!!

    RispondiElimina
  7. Mi spaiace tanto per lui (e per te!), ma la scenetta della scritta sul divano è davvero esilarante!!!

    RispondiElimina
  8. Perchè la realtà supera la fantasia, perchè le cose vere spesso sembrano inverosimili, perchè un romanzo inventato non è niente, in confronto alla Vera Vita Vissuta da un Vero Vivente, sulla quale, a esserne capaci, ci sarebbero da scrivere più volumi della recherche di Proust.

    RispondiElimina
  9. Andre, tutto OK. Due menischi, due crociati due laterali più la muscolatura, ma 10 anni sono 10 anni in Europa. Il mio ortopedico, olandese, dice che un crociato ha una determinata funzione insieme all'altro e a tutto il resto: la rotazione articolare. Se ne manca uno qualcosa succede, vedi artrosi, perché l'arto deve adeguarsi. È come se tu con una macchina a quattro cilindri andassi a tre, perché qualcosa in un cilindro non va. La macchina cammina, 10, 100 forse 1000 chilometri, poi ti pianta e la riparazione, che fatta subito sarebbe costata, diciamo 100 euro, ti costa 2000 perché devi rifare la testata, le sedi delle valvole e forse hai fuso una bronzina.
    Tutto qua.
    Se tu fossi un atleta ti opererebbero subito in Italia e qui e dovunque. Come semplice wolker in Italia ti lasciano andare, ire, gehen per 10 anni. Qui ti operano subito.
    Vive cette petit difference.
    Preservati l'altro ginocchio Andre.

    RispondiElimina
  10. International iaco! Hai il fisioterapista greco, l'ortopedico olandese, quasi un'equipe medica europea al tuo servizio, meglio di un atleta fuoriclasse ... Urpo, ti manca solo la massaggiatrice! Facci sapere la nazionalità che preferisci, escludendo la Svizzera, per esosità, la Germania, perchè non sarebbe figo, (e poi, Iaco dixit valchirie essere beone e debordanti) l'Italia, perchè non vale, e il Brasile, per equivocità... :-)

    RispondiElimina
  11. Ho anche amici turchi, Simba, e sono i più sinceri, credimi.
    "quasi un'equipe medica europea al tuo servizio", ma io sono un italiano DOCG, anzi "ich bin ein alte Römer" un antico romano DOCG. Noblesse oblige, Simba.
    La massaggiatrice ce l'ho Simba (e te pareva che me la facevo mancà): è Thailandese e fa un massaggio strano che dura mezzora e 30 euro a botta, cioè a seduta.
    Non beve, non parla, quindi nemmeno straparla e pesa neanche 45 chili. Alla fine mi fa pure un paio di inchini orientali.
    Ti sembro più internazzzionale adesso?

    RispondiElimina

Parla! Adesso o mai più!