sabato 17 aprile 2021

usi obbedir tacendo

 

Sto aspettando che i carabinieri vengano a prendere mio marito. Gli ho somministrato l'ultimo pasto da uomo libero, dei semplici spaghetti al pomodoro, giusto per non fargli troppo rimpiangere la mia cucina. 

Chissà se i rappresentanti delle forze dell'ordine noteranno un vecchio post it sul frigorifero, che recita, a chiare lettere in stampatello: "Usi  obbedir tacendo", frase che ho appiccicato qualche mese fa dopo averla sentita recitare in un bellissimo film da un ex carabiniere oltremodo svanito e da tempo rassegnato ai comandi della consorte. "Usi a obbedir tacendo"; ripeteva a ogni diktat di lei, allontanandosi mesto, strascicando i piedi. 

L'ho messa come promemoria a mio marito, che invece l'ha sempre bellamente ignorata, dopo essersi limitato a scuotere la testa al suo primo apparire, giusto per il gusto di non darmi spago.  

LORO potrebbero interpretarla benignamente, come un segno di fiducia e rispetto dell'arma, oppure non conoscerla affatto, cosa assai più probabile. Lo prenderò come un test sulla loro preparazione accademica. In ogni caso, stamattina mentre pulivo l'anta del frigorifero, mi è venuto spontaneo spostare il post it dalla posizione defilata (in alto a sinistra) in posizione più centrale. 

Ma smettiamola di divagare e veniamo ai fatti. Anzi, al fattaccio.

Una tizia che ha comprato -ahimè- casa da un paio di anni a metà della via, una sciurotta che fino a ieri chiamavamo "la gattara", ma alla quale ora dovremo trovare un appellativo più spregiativo, (io ho proposto "La bestia", con la esse che si dilata in una bella  sc di sciampo, ma per il toto-nome attendo proposte da mettere ai voti) ha strepitato che avrebbe denunciato il mio povero marito. Sostiene che lui l'abbia "speronata", mentre lei stazionava fuori di casa e lui transitava in auto. Ha usato proprio quel verbo, speronare, come se lei fosse una nave, cosa che, a ben pensarci, ha la sua ratio, anche se più che a nave la si potrebbe paragonare a una balenottera. Sempre sul mare siamo,  e comunque avrebbe potuto usare "spiaggiare", avrebbe reso maggiormente l'idea.

Vedete, la bestia con la sc di sciampo ha un brutto difetto: dopo aver sfamato i gatti della sua colonia felina del menga, lasciando i rifiuti nel cortile della vicina, non sa più come impiegare il tempo, e quindi si è inventata questo passatempo: si apposta dietro la sua auto, che sporge pericolosamente sulla carreggiata, e quando sente una macchina arrivare, si butta in mezzo alla strada, si mette a urlare  e accusare il conducente di andare troppo forte, mettendo a rischio la vita dei suoi cazzutissimi gatti. Di solito la cosa finisce con insulti da entrambe le parti, ma  a quanto pare da ieri la bestia con la sc di scema ha alzato la posta.

Adesso vado a preparare una torta con dentro una lima, da portare a mio marito quando gli farò visita in gattabuia.

36 commenti:

  1. Usi ubbidir tacendo e tacendo morir è il motto della Benemerita, un motto poetico e jetattore.
    Ciao fulvio

    RispondiElimina
  2. Silvia, meglio rimanere all'uso dell'epiteto da te proposto, ovvero bestia con la sc di sciampo, me ne sovviene un altro, sempre con una "s" strascinata (detto alla romana) ma non è consono ad una donna garbata e ammodo.
    Dunque è pericolosa la signora, aspirante "investita dalle auto"!
    Cercate,vi prego, di non travolgere gli ignari miciotti che non hanno colpa. Speriamo che la signora torni alla nobile buona azione di sfamare i felini, rimuovendo accuratamente residui e rifiuti dalla corte attigua, concentrandosi su di loro ed abbandonando idee suicide.
    Facci sapere eventualmente dove le autorità porteranno la tua dolce metà. Potremmo inviargli arance o cartoline dall'Italia.
    Un abbraccio e buona domenica
    Susanna

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tranquilla che i suoi gatti, che come dici bene tu non hanno colpa non potendosi scegliere la gattara, non rischiano la vita, primo perché sono più intelligenti di lei secondo perché essendo una via stretta e a ridosso delle abitazioni, in pratica andiamo a passo d'uomo. Pensa che quella povera pazza una sera di quest'inverno è uscita di casa in pantaloncini corti e maglietta e ha fermato anche me, che sono conosciuta tra i miei colleghi come quella che "se hai la sfortuna di trovarla davanti sei sicuro di timbrare rosso".
      buona domenica anche a te! Io sto cucinando polpette di carne avvolte in foglie di verza, una padella con il pomodoro e una senza, e tu?

      Elimina
    2. Tagliatelle rustiche con asparagi e frittata pomodoro e cipollotto.
      Stasera vellutata di zucchine e arrosto al tegame.
      La tua ricetta me l'ha fatta una volta la signora rumena che sta a casa con mamma ed era fantastica!
      Buon proseguimento di domenica
      Susanna

      Elimina
    3. che bontà!!
      ma tu cucini anche alla domenica sera?
      Io di solito minestrina e via ...

      Elimina
  3. storiaccia... verrebbe da consigliare un opportuno taglio delle gomme, oppure ad esser buoni il loro sgonfiaggio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Già pensato, c'è solo il problema delle telecamere.

      Elimina
  4. Ahahahah
    Nel mio caso sarebbe stato il marito a preparare una torta per me, visto che avrei già dato due sberle alla gattara.
    Ma no. Sono sempre stata contraria alla violenza.
    Diciamo, però, che ben volentieri l'avrei uccisa a parole.
    Ma che gente!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Beata te che sai reagire ai prepotenti, vorrei essere come te, visto che davanti all'aggressività mi spavento come un coniglio.

      Elimina
  5. Silvia, vado a comprare le arance.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie, sei buona, mi raccomando, a mio marito piacciono le siciliane biologiche!!

      Elimina
  6. Se un blog, pure spiritoso, bastasse ad accoppare gli sciurotti avremmo milioni di morti.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Purtroppo pare che i cretini, i decerebrati, i malvagi, i prepotenti e i disonesti siano una maggioranza rispetto alle persone inoffensive, ma forse è solo che fanno più casino.

      Elimina
  7. Chissà che passa nella mente di certe persone ..sarebbe bello scoprirlo o no??
    Mahh ..meglio non sapere !
    Saluti al consorte 😉

    RispondiElimina
    Risposte
    1. le patologie psichiatriche sono talmente vaste e complesse, ma visto il mio lavoro un'idea me la sono fatta: mania di persecuzione, sintomo di schizofrenia paranoica.

      Elimina
    2. Problematici che si impongono a coloro che li devono subire.
      La mancanza di selezione naturale manifesta via via più i suoi effetti nefasti.

      Elimina
  8. Non ho capito bene, quindi tuo marito ha urtato con l'auto la signora? E la signora ha sporto denuncia?

    RispondiElimina
  9. Lei dice che lui l'ha speronata, lui dice che si è fermato essendo lei in mezzo alla strada. lei non si è spostata, evidentemente in modo provocatorio, e lui è ripartito sterzando verso la corte attigua. a quel punto lui ha sentito un colpo, di lei che dava un pugno al tetto dell'auto. lui non è sceso dall'auto sia perché stava andando a fare il vaccino sia perché "se scendevo non so come andava a finire". quando è tornato dall'ospedale mio marito è andato a chiedere spiegazioni e lei ha detto che le telecamere avevano ripreso la sua speronatura.

    RispondiElimina
  10. "Spesso gli sbirri e i carabinieri al proprio dovere vengono meno, ma non quando sono in alta uniforme e l'accompagnarono al primo treno" da Bocca di rosa di Fabrizio De André.
    Questa storia è allucinante, mi spiace per te e tuo marito che la state vivendo sulla vostra pelle.
    Joanna

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Per ora gli sbirri non sono arrivati, spero l'abbiano cacciata dalla caserma a male parole :)

      Elimina
    2. probabilmente ha fatto un esposto, se è così ti contatteranno loro per una controversione, e la cosa finisce lì.
      sempre che lei non sia così 'bestia' da essersi fatta refertare in pronto soccorso, nel caso le cose si complicano. in ogni caso i tempi sono di circa tre mesi...

      Elimina
    3. Parli come un avvocato, e io che ti pensavo architetto! :)

      Elimina
  11. Gira troppa gente che non si rende conto. Hanno un mondo tutto loro, dove dettano legge. Spesso, per fortuna, è solo il loro pianerottolo. Ma qualche volta scendono anche in strada, e si fanno speronare.

    RispondiElimina
  12. ah ah! Speronare!! La lingua italiana, questa sconosciuta!
    Sicuro che non si rendano conto di cercare rogne? Secondo me se ne rendono conto eccome, essendo il loro hobby preferito!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Esatto: cercarne e sobillarne. Uno sport anche quello. Da pianerottolo, ma sport.

      Elimina
    2. In effetti quel che non riesco a capire è cosa spinga certa gente a fare del dar fastidio ad altri la propria ragione di vita. Che pena!

      Elimina
  13. l'itaja è er primo paese ar monno per il numero di avvocati, che a volte lavorano puro aggratiss se fiutano che si possa spillare quarche euro a chi ne ha

    RispondiElimina
  14. Di avvocati che lavorano gratis non ne ho ancora conosciuto mezzo, caro il mio fracassone!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. aggratiss nel senso che si accontentano del 30% di quello che riescono a spillare alla controparte. Ad un mio parente, una tizia come quella tua vicina, incinta, era notte si fece ricoverare per lo spavento e si fece dare una settimana di prognosi. Poi co' l'avvocato aggratiss andò dal giudice senza esser stata investita così l'assicurazione non interveniva ed ancora oggi la rottura va avanti nei grandi tribunali thajaythjani

      Elimina
    2. Ehh ?? What's tribunali tahitiani?

      Elimina
  15. Mariella mi ha anticipato ma al limite mi propongo per prenderle io appena sarà terminata la scorta che Mariella ti avrà fornito. Purtroppo certa gente si realizza nel dare fastidio al prossimo sembra non abbiano un passatempo migliore.

    RispondiElimina
  16. Ma è 'na storia vera? A me pareva che l'avessi inventata a mò di racconto.
    Ciao Silvia, buon 3 Maggio, L'1 è passato quasi inosservato, il 2 con Fedez, il 3 chissà che succederà.

    RispondiElimina
  17. Ma sì che è vera, e pure tagliata! Difficile trovare storie inventate, qui. Ma tu non ti stupirai, visto che anche da te ne succedono delle belle! Giustappunto, ti sei aggiustato dopo la disavventura nel pollaio?

    RispondiElimina

Parla! Adesso o mai più!